Attualità Modica 05/05/2014 14:33 Notizia letta: 4839 volte

Immigrazione, a Modica c’è tanta confusione

Parla Giovanni Avola, Cgil
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-05-2014/1399293188-immigrazione-a-modica-c-e-tanta-confusione.jpg&size=749x500c0

Modica - Sul fronte immigrazione sembra esserci confusione. Il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, parla di emergenza sanitaria e chiede a Governo e Regione di intervenire, non lesinando critiche all’Asp iblea, e questo dopo avere tacciato di allarmismo il consigliere Michele Colombo che palesava le preoccupazioni di alcuni genitori sull’utilizzo per i figli degli stessi autobus usati prima per gli immigrati senza che probabilmente siano di volta in volta disinfettati. 

Le dichiarazioni di Abbate, massima autorità in tema di sanità, non passano liscio. Hanno il loro peso. Duro l’intervento del segretario provinciale della Cgil, Giovanni Avola, che smentisce la situazione delineata da Abbate e sottolinea la singolarità degli attacchi all’Asp. Poi rassicura: “Il nostro è un territorio in cui l’Asp, rispetto al resto d’Italia, ha la facoltà di doppia indagine diagnostica sul luogo dello sbarco e nei centri sanitari di Ragusa”.  Se c’è un operato che Avola critica è quello di Abbate: “Cosa doveva fare il sindaco? Abbandonare l’organizzazione di feste e festini e organizzarsi, in uno, alle istituzioni socio sanitarie del territorio per aumentare i controlli, evitare discrasie nell’organizzazione dei soccorsi insieme con il sindaco di Pozzallo, considerato che tutto sarebbe ricaduto, in termini di assistenza sanitaria e grande logistica, nel suo territorio. Gli ultimi annunci mediatici allarmano la popolazione”. Intanto l’on. Nino Minardo ha interloquito con i Ministri dell’Interno e della Salute Alfano e Lorenzin. Il primo si è detto disponibile a constatare di persona la situazione a Pozzallo, ricordando un necessario impegno dell’Europa. La Lorenzin ha contattato la Regione e ha predisposto interventi di vigilanza e controllo in ospedali e strutture ospitanti immigrati. L’on. Chaouki del Pd, coordinatore intergruppo parlamentare per l’immigrazione, ha visitato il Cpsa di Pozzallo, ritenendo prioritaria la questione dei minori non accompagnati.  Forza Nuova plaude alla proposta di don Beniamino Sacco di devolvere il 10% della diaria quotidiana a immigrato per buoni spesa mensili per le famiglie italiane in povertà. Il Movimento ricorda che è in atto il progetto "Solidarietà Nazionale" con i volontari forzanovisti impegnati nella raccolta e distribuzione di pacchi alimentari agli italiani bisognosi.  

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg