Cronaca Ragusa 06/05/2014 18:04 Notizia letta: 2116 volte

Tunisino 32enne bracca minorenne, beccato

Lei andava a scuola
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-05-2014/1399392261-.jpg&size=883x500c0

Ragusa - La   Squadra Mobile  a seguito di una delicata attività d’indagine, denuncia un 32 enne algerino per molestie e disturbo delle persone. Pochi giorni addietro una giovane studentessa minorenne si accingeva ad entrare a scuola a Ragusa e durante il suo percorso a piedi si accorgeva di essere seguita sin da quando era scesa dall’autobus in Via Zama. L’uomo, molto più grande di lei, cercava a tutti i costi di parlarle ma lei rifiutava gli inviti anche in modo categorico riferendo di essere fidanzata e che doveva andar via. Nonostante i continui rifiuti l’algerino continuava ad infastidire la studentessa che allungava il passo per rifugiarsi dentro la scuola ma il ragazzo tutto ad un tratto le si parava davanti bloccandole la strada. A quel punto la paura, la giovane non riusciva neanche a chiedere aiuto, ma per fortuna in un attimo di lucidità scappava di corsa inseguita dal molestatore.

La minore trovava rifugio a scuola e contattava la Polizia al 113 ma nel contempo il delinquente si allontanava.
La ragazza una volta giunta la Polizia riferiva quanto accaduto e veniva accompagnata presso gli uffici della Squadra Mobile. Insieme agli investigatori veniva formalizzata la denuncia in presenza dei genitori e tracciato un identikit. Al termine delle operazioni gli agenti di Polizia effettuavano dei servizi mirati ad appurare una eventuale serialità del criminale e quindi se vi fosse pericolo per altri minori che frequentavano le scuole ragusane. Dagli accertamenti di Polizia non emergeva nulla di grave per l’incolumità degli studenti ma in un servizio di osservazione veniva individuato un sospettato che portato in ufficio confessava quanto accaduto qualche giorno prima.
Da una ricostruzione dei fatti e dalle testimonianze è stato possibile quindi identificare il giovane, denunciarlo ed allontanarlo dal comune di Ragusa con un provvedimento di divieto di farvi ritorno senza giustificato motivo.
“La Polizia di Stato invita tutte le vittime di reato a segnalare tempestivamente eventuali reati o illeciti amministrativi ed a rivolgersi agli uffici investigativi della Squadra Mobile anche solo per un consiglio in merito a problematiche giuridiche”.

Redazione