Appuntamenti Scicli 07/05/2014 12:05 Notizia letta: 2934 volte

Si presenta il libro Scicli città felice

Una iniziativa privata
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-05-2014/si-presenta-il-libro-scicli-citta-felice-500.jpg

Scicli - Sarà presentato a Palazzo Spadaro, via Mormino Penna 28, Scicli il volume di  SCicli CIttà Felice. Foto Di Armando Rotoletti, Paolo Nifosì è l'autore del capitolo su Storia e Arte. 

Appuntamento domenica 25 maggio, ore 18,30. Reportage d’autore da una delle più affascinanti città del Sud Est della Sicilia. 

I luoghi, i personaggi, le suggestioni, per un percorso tra passato e presente

 

Il grande pubblico conosce Scicli come “Luogo di Montalbano”, per l’ambientazione di numerose  scene della fiction  televisiva di successo, tratta dai romanzi di Camilleri, il cui protagonista è Luca Zingaretti, nel ruolo del Commissario. Ma Scicli, esaltata da Elio Vittorini come “la più bella città del  mondo”, adagiata in una conca, ricca di chiese, conventi, palazzi tardo-barocchi,  è uno scrigno di tesori.  “Pensai  alla mano di un architetto divino, quando la vidi per la prima volta…  E, dopo aver fatto la prima foto (la Chiesa di Santa Maria della Consolazione, ora in copertina), decisi  di voler essere il suo custode metafisico, lavorando a un libro”, dice Armando Rotoletti.  “Le caratteristiche di un borgo ci sono tutte – scrive lo storico dell’Arte  Paolo Nifosì, sciclitano - I ruderi di un castello sulla collina di San Matteo, una chiesa madre abbandonata a mezza collina e la città storica in basso a fondovalle; una città piccola, ma densa di teatrali scenografie urbane dove a farla da padrone sono le facciate delle chiese tardobarocche, legate insieme da fantastici palazzi ricchi di mensole popolate  da tigri, cavalli alati, grifi e maschere manieristiche…”.

Tuttavia, sarebbe riduttivo descrivere Scicli  come città-museo. Essa è viva, ricca di stimoli, vissuta da i suoi residenti  e dai nuovi sciclitani, che, pur non abitandola stabilmente, si sentono parte della comunità. Alla pubblicazione del volume, ideato da Armando Rotoletti che, con passione, ha documentato fotograficamente le bellezze e l’umanità di Scicli,  hanno contribuito con i loro scritti anche alcuni sciclitani d’origine e d’adozione.  Non poteva mancare in apertura il testo di Luca Zingaretti (“…e allora capii che Scicli aveva qualcosa nella sua accoglienza, nella sua dolcezza, nella sua placidità, qualcosa di femminile, quasi di materno”), anch’egli folgorato quando cominciò a  frequentarla  per  le riprese del  “Commissario Montalbano”.  Il titolo del  libro – “Scicli città felice” – è testimonianza d’amore e augurio per i tempi che verranno.

https://www.facebook.com/events/309007399224223/?fref=ts

Redazione