Attualità Scicli 10/05/2014 23:08 Notizia letta: 5008 volte

Nuvole, c’è pure chi dipinge i morti

Destagionalizzazione culturale
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-05-2014/nuvole-ce-pure-chi-dipinge-i-morti-500.jpg

Scicli - Tre percorsi, passeggiando tra i monumenti barocchi patrimonio dell’Umanità, per scoprire l’arte indipendente grazie alle opere di oltre 50 artisti di fama nazionale e internazionale.

Sta avvenendo a Scicli, nel Sud-Est siciliano, grazie al progetto “Nuvole” organizzato dal gruppo Sem – Spazi Espositivi Monumentali che ha coinvolto interamente la città, proponendo un’offerta culturale di altissima qualità grazie al totale coinvolgimento in prima persona anche di critici e curatori. L’iniziativa ha preso il via ieri con l’apertura delle mostre d’arte in ben undici differenti siti monumentali. Fino a mezzanotte è stato possibile sviluppare il proprio personale viaggio estetico tra le esposizioni nei palazzi barocchi, nelle gallerie d’arte, nei siti pubblici messi a disposizione dal Comune. Una città in movimento che respira arte restituendo e dando valore al tempo stesso alla centralità della ricerca artistica. Molteplici le iniziative collegate, dai laboratori didattici per bambini, chiamati a disegnare i monumenti, ai workshop per “mappare” il territorio attraverso la fotografia, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Catania, fino ad arrivare agli spettacoli serali e all'incontro con gli artisti durante gli aperitivi e le cene a tema nei ristoranti. Turisti e appassionati d’arte in queste ore stanno raggiungendo Scicli per viverla e conoscerla in questa nuova dimensione, cioè quella di contenitore d’arte e al tempo stesso contenuto. Un’energia mentale e fisica sviluppata dai componenti dell'associazione culturale Sem che hanno creato l’evento “Nuvole”, senza alcun contributo pubblico, con l’obiettivo di rendere ancora più d’attrattiva e destagionalizzata l’offerta turistica e culturale della città.

Il talk di ieri a Palazzo Spadaro ha visto anche l’intervento dei critici e curatori Daniele Capra e Maurizio Marco Tozzi che curano i tre artisti della sezione “Tre mondi” di Sem. Capra ha ringraziato Sem perché, venendo per la prima volta a Scicli, ha conosciuto una Sicilia culturalmente elevata e lontana dagli stereotipi di cui spesso è vittima l’isola. Tozzi si è soffermato sulla videoarte a 50 anni della sua nascita, tra l’altro una delle principali forme artistiche proposte da “Nuvole”, e plaudendo alla vivacità culturale della città di Scicli, ha parlato del paradosso tutto italiano che vede in Paese ricco d’arte e di tesori monumentali, togliere dalle scuole lo studio della storia dell’arte. I direttori artistici di “Nuvole”, Sasha Vinci e Antonio Sarnari, hanno invece puntato i propri interventi sulla scommessa che ha portato Sem non solo ad organizzare una coraggiosa iniziativa dedicata all’arte ma a farlo creando un viaggio estetico in cui ciascun spettatore può fruirne muovendosi liberamente in città. “Nuvole” si concluderà domani, domenica 11 maggio, con una festa finale presso l’ex mulino Site Mill trasformato di recente in spazio espositivo. Il programma della giornata di domani prevede l’apertura delle varie mostre dalle 11 a mezzanotte, il punto ristoro e area relax a Villa Penna sempre aperto. Alle 10,30, alle 12 e alle 17 le ultime tre talk presso il Circolo di Conversazione in via Nazionale 31. Il programma completo degli eventi è disponibile sul sito nuvole.semscicli.it mentre sui social basta seguire l'hashtag #SEMnuvole

Redazione