Cronaca Ispica 10/05/2014 13:47 Notizia letta: 8597 volte

Ispica, docente picchiata a scuola

Da un alunno
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-05-2014/ispica-docente-picchiata-a-scuola-500.jpg

Ispica -  Una docente di Ispica è finita in ospedale dopo un “alterco” animato con un alunno. Questi, 12 anni appena, per tutta risposta a un richiamo da parte dell’insegnante della scuola che frequenta, la “Luigi Einaudi” di piazza Unità d’Italia, a Ispica, avrebbe reagito girandole un paio di schiaffi.

Una situazione certamente inusuale e inconsulta, che avrebbe spiazzato la docente, come bene si può comprendere, provocandole anche uno stato di tensione. L’insegnante, infatti, si è sentita male per quanto accaduto, e sarebbe svenuta andando a sbattere mentre cadeva.

Per rassicurarsi sulle condizioni generali dell’insegnante, la direzione della scuola, appena informata del grave episodio verificatosi tra le mura scolastiche, ha chiamato i soccorsi, malgrado l’insegnante pare si fosse già ripresa. La docente è stata trasportata in autoambulanza al Pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Modica, dove è stata assistita dall’equipe medica diretta dal primario Roberto Ammatuna.

È stata sottoposta a tutti gli esami e accertamenti necessari per verificare lo stato generale di salute e individuare la causa dello svenimento. Tra i vari esami, l’insegnante è stata sottoposta a un’ecografia addominale, in quanto pare che accusasse dei dolori all’addome, diversi esami di laboratorio ed è anche stata visitata da un neurologo dal momento che, come anzidetto, avrebbe perso conoscenza seppure per poco tempo.

Non si potrebbe escludere che il malessere accusato possa essere stato causato dalla forte tensione cui la donna è stata sottoposta data la reazione inusitata da parte dell’alunno, che le avrebbe provocato uno stato di agitazione anche per l’onta subita. Non è certo frequente - e per fortuna - un episodio del genere consumatosi proprio all’interno di un edificio preposto non solo all’istruzione dei più piccoli, ma in primis all’educazione al rispetto del prossimo e allo stare in società in modo consono. L’insegnante fortunatamente sta bene. La prognosi è di appena 5 giorni.

La vicenda potrebbe avere delle conseguenze. La direzione dell’istituto scolastico, infatti, potrebbe decidere di prendere dei provvedimenti nei confronti dell’alunno “vivace” dopo avere valutato in maniera approfondita cosa sia effettivamente accaduto e cosa abbia scatenato la reazione del 12enne, comunque in nessun caso giustificata e giustificabile in nessun luogo, men che meno in un edificio scolastico.

Al momento l’insegnante pare non abbia sporto denuncia nei confronti dello scolaro, che molto probabilmente dovrà fare i conti, se non li ha già fatti, con un sonoro rimprovero da parte dei genitori.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg