Cronaca Vittoria 16/05/2014 13:58 Notizia letta: 3118 volte

A Vittoria un canile abusivo su terreno comunale

Denuncia su Youtube
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-05-2014/1400241502-a-vittoria-un-canile-abusivo-su-terreno-comunale.jpg&size=583x500c0

Vittoria - “Un canile abusivo in un terreno di proprietà del Comune, ricadente in Contrada Salmé”.

A denunciarlo è  Giuseppe Nicastro,  coordinatore del Movimento “Territorio” a Vittoria che, come ormai sua consuetudine, ha realizzato un video poi caricato su Youtube. “La recinzione- spiega Nicastro- è realizzata con reti di ferro provenienti da vecchi letti, pedane di legno e materiale vario. All'interno casette con mattoni rossi, coperte da tetti di fortuna. L'area è piuttosto estesa tanto che nel video si vede chiaramente che, almeno in lunghezza, perdo qualche minuti per percorrerlo tutto. L'area sembra ben tenuta, tanto che sono stati realizzati dei box e delle recinzioni per separarli fra di loro ma siamo comunque di fronte ad un canile abusivo realizzato in un terreno di proprietà del Comune. Sicuramente ci saranno dei volontari, dei privati, che si prendono cura di questi cani, come è possibile capire dalla pulizia interna ad ogni box e dallo stato di salute, buono, di tutti gli animali presenti. A tal proposito, anzi, invito chi di competenza a sostenere il lavoro di questo volontari”.

“Si parla tanto del problema randagismo in città- aggiunge Nicastro- e qui siamo di fronte ad un terreno comunale utilizzato come canile abusivo. Chiediamo quindi spiegazioni all'Amministrazione Comunale e, nel caso non fossero a conoscenza di questa struttura, cosa intendono fare. Ovviamente come Movimento “Territorio” non ci fermeremo alla realizzazione di un video-denuncia, ma, tramite il nostro capogruppo al Consiglio Comunale, Giovanni Lombardo, presenteremo una interrogazione scritta al Consiglio Comunale affinché l'Amministrazione dia le giuste risposte non solo e non tanto a noi come Movimento, ma alla cittadinanza. 

Nadia D'Amato