Appuntamenti Ragusa 19/05/2014 20:52 Notizia letta: 3156 volte

Mimmo Cuticchio e l’arte del cunto a Ragusa

Il 23 maggio
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-05-2014/mimmo-cuticchio-e-larte-del-cunto-a-ragusa-500.jpg

Ragusa -  Sarà un artista internazionale, il grande Mimmo Cuticchio con il suo cavallo di battaglia “Il cunto” a concludere la nona edizione della rassegna teatrale “Palchi DiVersi” organizzata a Ragusa dalla Compagnia G.o.D.o.T..

L’appuntamento immancabile è per il prossimo 23 maggio alle ore 21 all’auditorium San Vincenzo Ferreri di Ibla, all’interno del calendario “Ragusa in fiore” promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ragusa, per conoscere dal vivo il famoso artista palermitano e per rivivere, con l'antica tecnica dei "cuntisti", le gesta e gli amori degli storici protagonisti dei pupi siciliani.

Cuticchio porterà in scena il cunto dal titolo "La spada di Celano".

“La fascinazione della parola sembra un concetto vago e fumoso, ma nelle culture orali la permanenza di un racconto è affidata alla memoria degli uomini non alla scrittura e quanto più la storia è seducente tanto più colpisce i cuori degli ascoltatori e può sperare di sopravvivere nel ricordo – spiega il regista Vittorio Bonaccorso, responsabile assieme all’attrice Federica Bisegna, della Compagnia G.o.D.o.T. di Ragusa – La fabulazione appartiene infatti ad una particolare modalità della comunicazione umana. La sua materia è formata per lo più da un racconto ma le sue forme non riguardano la letteratura, anzi si oppongono all’immobilità del testo scritto per consegnarsi all’impermanenza della voce. Il contesto è unicamente quello in cui si manifesta il racconto e la sua efficacia dipende dalle reazioni emotive di chi lo fruisce. I raccontatori sono i professionisti di questa fascinazione ed è per questo che in diversi ambiti nel mondo teatrale la fabulazione orale è oggetto di interessanti attenzioni. Il cuntista siciliano è un fenomeno particolare, si tratta di un fabulatore la cui tecnica si discosta considerevolmente dal più noto cantastorie. E il maestro Cuticchio incarna proprio tutte queste caratteristiche”. Un altro importante tassello, dunque, per l’attività culturale della Compagnia G.o.D.o.T. che al suo 17esimo anno di attività teatrale riesce a portare a Ragusa un grande artista come Cuticchio dopo aver avuto tantissimi altri ospiti prestigiosi tra cui Elio Pandolfi, Laura Kibel, Vittorio Marsiglia, Gianni Salvo, Tuccio Musumeci, Marcello Perracchio, Fabrizio Paladin, Matteo Belli, Emmanuel Gallot Lavallée, Elisabetta Pozzi, Enrico Guarneri. “Quest’anno la scelta del grande Mimmo Cuticchio e della sua arte, annoverata dall’Unesco tra i patrimoni mondiali orali ed immateriali dell’Umanità, è dettata – conclude Bonaccorso - anche dalla nostra predilezione per il teatro di narrazione su cui la Compagnia G.o.D.o.T. si è spesa con due produzioni con il Macbeth di Shakespeare e Il Profumo di Suskind entrambi interpretati da Federica Bisegna secondo la tecnica appunto del racconto a soggetto, ovvero senza copione”. L'ingresso è di €.10. Per info: 339.3234452 - 338.4920769 o info@compagniagodot.it.

Redazione