Attualità Vittoria 24/05/2014 20:38 Notizia letta: 3099 volte

Concetta Fiore: ritiro la Tasi

Parla l’assessore
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/24-05-2014/1400956701-concetta-fiore-ritiro-la-tasi.jpg&size=555x500c0

Vittoria - Il Consiglio comunale di Vittoria avrebbe dovuto discutere mercoledì sera la proposta presentata dalla Giunta Comunale relativa all'aliquota da applicare alla Tasi, la Tassa sui servizi indivisibili. Alla luce della proroga decisa dal Governo lunedì sera, però, tutto è cambiato. “Avevamo già discusso la questione in Giunta- dichiara l'assessore al ramo, Concetta Fiore- ed avevamo preparato la proposta che doveva essere discussa in Consiglio. A questo punto, però, ho deciso di ritirare l'atto per non gravare sulle tasche dei cittadini che, nel mese di giugno, si troveranno già a dover pagare Imu e Tari, la tassa sui rifiuti”. 

La Tasi, insieme ad Imu e Tari, era stata accorpata nella Iuc, imposta unica comunale. La mancata decisione dell'aliquota da applicare alla Tasi, però, farà sì che la stragrande maggioranza dei cittadini italiani per il momento non la paghino.

“In Italia, su 8092 comuni- spiega l'assessore Fiore- solo 832 si erano già attivati in tempo. Di questi, poi, solo 513 hanno pubblicato le aliquote sul sito del Ministero dell'Economia e delle Finanze. Per questo l'Anci, l'associazione dei Comuni Italiani, ha chiesto al Governo una proroga”. Nella maggior parte dei casi, i Comuni che non hanno ottemperato sono interessati dalle elezioni e quando il Governo ha varato le modalità di applicazione della nuova imposta, nell'aprile scorso, erano già sciolti e quindi impossibilitati a deliberare. Nel caso di Vittoria, invece, il Consiglio aveva la possibilità di mettersi in carreggiata nella seduta di ieri sera, ma, data la proroga concessa a livello nazionale, l'assessore Fiore ha deciso di ritirare l'atto. “Ritengo sia una scelta indispensabile per venire incontro alle esigenze dei nostri concittadini che, in questo modo, avranno la possibilità di pagare la prima rata della Tasi a settembre, invece che il prossimo 16 giugno”.

Nadia D'Amato