Attualità Vittoria 31/05/2014 18:00 Notizia letta: 1949 volte

Enzo Cilia vuol lasciare Sel

Vicolo cieco
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/31-05-2014/1401552003-enzo-cilia-vuol-lasciare-sel.jpg&size=500x500c0

Vittoria -  Il consigliere comunale Enzo Cilia ha annunciato di voler lasciare Sel e lo ha fatto con un comunicato stampa nel quale si legge: “Sel è in un vicolo cieco, ringrazio compagne e compagni che mi hanno sostenuto e me ne vado. La mia speranza- aggiunge- è che si riapra un confronto a sinistra per dare risposte concrete a quanti chiedono una svolta”. Dopo aver aspettato la fine della competizione elettorale Cilia ha deciso:  “non mi sono iscritto a Sel nel 2014 e, a questo punto, confermo che non rinnoverò la tessera. Lascio il gruppo consiliare di SuV e continuerò a svolgere il mio mandato nel campo largo del centro sinistra con scienza e coscienza”.

A commentare la sua scelta il Circolo di Sel  che gli augura buon viaggio e buona fortuna. “Noi- commenta la segretaria Francesca Randazzo- andiamo avanti con l’entusiasmo e la voglia di contribuire a costruire un soggetto politico di sinistra sempre più solido. La sua decisione  non ci coglie di sorpresa, anche perché da mesi abbiamo notato un allontanamento dovuto alla sua non condivisione del percorso intrapreso da Sel a livello nazionale”. L'intero circolo ha poi ringraziato Cilia per l’importante contributo che ha dato a Sel.

A proposito di post-europee, inoltre, il sindaco, Giuseppe Nicosia, ha deciso di commentare gli esiti cittadini rispondendo, in particolare, ad alcuni esponenti dell'opposizione: “ritengo ridicole le affermazioni secondo le quali il Pd a Vittoria ha avuto un risultato negativo solo perché è stato superato dal M5S. Le cifre dicono che questa tornata è stata più che soddisfacente per il Pd cittadino, che ha registrato più del doppio dei consensi rispetto alle politiche e sei punti percentuali in più rispetto alle passate europee.  Per quanto riguarda gli altri partiti, sono contento che in una città che vota spesso a destra quando si tratta di europee o politiche è scomparsa la destra, come sono contento  che il voto di protesta è andato al M5S che, al di là degli eccessi del leader nazionale, è formato in loco da amministratori e rappresentanti che stimo, come il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, e la parlamentare regionale Vanessa Ferreri, e da tanti elettori che hanno inteso manifestare dissenso verso la vecchia politica e le cumacche aielliane”.

Nadia D'Amato