Attualità Modica 03/06/2014 14:30 Notizia letta: 4662 volte

Il Cristo di Modica: PeppeSavà, stai sereno

Da paginam.it
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-06-2014/il-cristo-di-modica-peppesava-stai-sereno-500.png

Modica - Un Cristo a tratti agguerrito, che non le manda a dire. E su Abbate: “Mi ha proposto la scerbatura dell’Eden”.

Innanzitutto la ringrazio per la disponibilità, so che le sue interviste sono molto rare e che, solo poche settimane fa, ha rifiutato un’ospitata da Fazio. Non le nascondo una certa emozione, ma mi tolga un dubbio: come posso chiamarla?
Figuriamoci, è un piacere poter scambiare due parole. Può benissimo chiamarmi “signor Cristo”. 

Signor Cristo, partiamo dalle notizie più recenti. Ieri, per colpa di un fotomontaggio, si era diffusa la notizia della sua caduta dalla collina della Giacanta. Cosa è successo realmente?
Sì, la ringrazio per avermi posto questa domanda. Modicani uomini di poca fede, devo dirlo. Non vi ho insegnato nulla? Io, Gesù Cristo, potevo mai cadere da lassù per un po’ di vento? Suvvia… E mi spiace che certa stampa abbia incredibilmente riportato la notizia.

Noto un po’ di polemica nei suoi toni.
Ma sì, la cosa mi ha creato non pochi fastidi. Porgi l’altra guancia ma fino ad un certo punto, le anticipo una cosa: sto valutando di querelare Peppe Savà di Ragusanews.

Addirittura… Va bè, chiudiamo qui questo tema e parliamo di altro: come mai questo viaggio a Modica?
Avevo voglia di staccare la spina e di qualche settimana di vacanza. Qualche tempo fa, parlando con Giorgio (San Giorgio, ndr), mi ha colpito il suo racconto delle splendide sfilate storiche di cavalieri e cavalli organizzate dal dottor Vanella. Adesso voglio proprio vederle dal vivo. A Rio non se ne vedono spesso…

Già, perchè lei è di Rio de Janeiro!
Mi scusi se la interrompo. Voglio precisarlo, e mi spiace che di mezzo ci sia nuovamente Savà: io sono originario di Rio de Janeiro e non di Brasilia come ha scritto lui. Mio padre si è impegnato tanto per fare questo mondo, e un po’ mi dispiace vedere accomunate due città lontane più di mille chilometri. E poi c’è pure un po’ di rivalità con quei tamarri di Brasilia!

Signor Cristo, come ha trovato Modica?
Bellissima, devo dirlo. Finalmente quei posti che avevo visto nel commissario Montalbano.
Ho incontrato Ignazio Abbate che ha fatto un po’ da Cicerone, anche se non capisco perchè insisteva così tanto con Frigintini. Bò, non ci vedevo nulla di che.
Poi devo confidarle una cosa che mi ha fatto sorridere.

Prego, Cristo! La ascolto…
Non so se scherzava o meno, ma il vostro Sindaco mi ha proposto una scerbatura completa del giardino dell’Eden. Ihihihih

Veramente divertente! Di cosa avete parlato poi?
Intanto gli ho detto di quella fontana con le luci colorate, ma come vi è venuta in mente? Non ci si crede! E poi di questa benedetta chiusura del ponte Guerrieri

Già, sarà un grande problema per Modica!
Esatto! Abbate mi ha chiesto di fare qualcosa, ma purtroppo non posso nulla in questo caso. Mi sono permesso di dargli un paio di consigli sulla viabilità (da lassù, dalla Giacanta, vedo le cose un po’ meglio), secondo me il doppio senso al corso è una cavolata pazzesca! E poi voglio fare un appello…

Assolutamente, prego
Modicani, dal 16 giugno niente imprecazioni. Vi prego. Non c’entro nulla con le strade chiuse, non prendetevela con me!

Che programmi ha per queste settimane a Modica?
Giovedì calcetto con Mommo Carpentieri, poi Altarte, qualche partita dei Mondiali, la festa di Pietro (San Pietro, ndr.), le bancarelle. Ma attendo con ansia la sfilata del dottor Vanella!

Signor Cristo, la nostra intervista si chiude qui. Grazie per la gentilezza… e buone vacanze!
È stato un piacere, magari ci risentiremo nei prossimi giorni!

 

 

www.paginam.it

 

Francesco Ragusa