Attualità Modica 05/06/2014 11:23 Notizia letta: 2661 volte

Occupazione suolo pubblico, Ascom invita ad adire il Tar

Polemica col sindaco
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-06-2014/occupazione-suolo-pubblico-ascom-invita-ad-adire-il-tar-500.jpg

Modica - Alla fine il sindaco ha pubblicato la delibera sui dehors non tenendo in considerazione le osservazioni della sezione Ascom di Modica.

In cui, tra l’altro, si fa riferimento alla sentenza del Consiglio di Stato n. 5578 del 2008 che vieta categoricamente agli artigiani e agli esercizi di vicinato di somministrare alimenti e bevande.

Una sentenza che, per la sezione dell’Ascom, è assolutamente chiara e che non dà la possibilità di interpretazioni surrettizie, sgombrando il campo da ogni equivoco di sorta e dando torto al sindaco sulla delibera contestata.

Ecco perché la sezione Ascom, in considerazione del fatto che l’associazione in quanto tale non può ricorrere al Tar, invita i titolari di pubblici esercizi che si ritengono danneggiati dal provvedimento in questione a procedere alla presentazione di un ricorso presso il Tribunale amministrativo regionale. La sezione Ascom di Modica è disponibile a fornire tutte le informazioni legate al caso in ispecie. Anche perché, a proposito della suddetta sentenza del Consiglio di Stato, sembrerebbe che l’Amministrazione comunale, con la delibera pubblicata, intenda aggirare la norma in quanto dal momento che non dispone la possibilità di effettuare la somministrazione, dall’altra concede la possibilità di installare tavoli e sedie per il consumo. La legge prevede, però, in modo chiaro, che presso i cosiddetti generi alimentari o presso, per esempio, le pizzerie di asporto si può esercitare il consumo ma all’interno dell’azienda, magari appoggiandosi o utilizzando delle mensole predisposte allo scopo. In ogni caso l’Ascom di Modica è intenzionata a proseguire questo percorso di tutela dei propri associati e invita tutti a valutare con attenzione le scelte da compiere per evitare che la delibera in questione continui ad esplicitare i propri effetti con tutti i danni che ciò può comportare ai fini della concorrenza sleale che se ne verrebbe a determinare.

 

Redazione