Attualità Modica 11/06/2014 23:00 Notizia letta: 4471 volte

Il carcere di Modica ha chiuso. L’ultima visita dei familiari

E’ finita
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-06-2014/il-carcere-di-modica-ha-chiuso-lultima-visita-dei-familiari-500.jpg

Modica -  Stop ai tira e molla. Bando alle speranze. Da ieri è ripreso lo smantellamento definitivo della casa circondariale di Modica. Il Provveditorato dell’Amministrazione penitenziaria della regione Sicilia ha disposto, infatti, la ripresa immediata delle procedure di dismissione, con il conseguente trasferimento di tutti i detenuti. È amarezza e tristezza negli animi delle famiglie dei detenuti e da parte dei volontari del penitenziario.

Fine pena mai, sarebbe il caso di dire, visto che soltanto qualche giorno fa la sen. Venera Padua, avendo incontrato il ministro della Giustizia e il presidente della Regione siciliana ai lavori della direzione nazionale del partito aveva parlato di “rassicurazioni da parte di entrambi sul fatto che è possibile, assieme, e quindi anche con l’impegno del Governo regionale, trovare soluzioni. Ovviamente spingeremo in questa direzione”.

Il segretario generale della Fns Cisl Ragusa-Siracusa, Biagio Carrieri, definisce questa situazione “una vera e propria carnevalata all’italiana”. “La Federazione Nazionale Sicurezza della Cisl non può non manifestare tutto il proprio disappunto rispetto a una storia infinita – dice -. E' evidente che l'interessamento della senatrice, la quale aveva esternato le rassicurazioni ricevute da parte del ministro della Giustizia e del presidente della Regione in favore del proprio territorio è stato smentito da fatti opposti solo pochi giorni dopo. A questo punto intendiamo capire a quale gioco si sta giocando e sapere, una volta per tutte, qual è il reale destino della casa circondariale di Modica. Oggi – conclude - non garantire la sicurezza ai cittadini è come comprometterne la democrazia del Paese”.

Le famiglie vogliono scrivere una lettera alle istituzioni. Sono allarmate dal fatto che il trasferimento dei propri cari in altro carcere non garantirà loro le stesse condizioni di vita dell’istituto penitenziario modicano, dove, tanto per citare un esempio, ogni cella ha la doccia in camera. “Chiudono un carcere modello – dice la mamma di un detenuto – e poi ci troviamo penalizzati dall’Europa in quanto abbiamo il sovraffollamento delle carceri. È una contraddizione”.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif