Cronaca Comiso 11/06/2014 11:11 Notizia letta: 2592 volte

Antidroga, due denunciati a Comiso

Si tratta di minori di 20 anni
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-06-2014/antidroga-due-denunciati-a-comiso-500.jpg

Comiso -  Con l’avvicinarsi dell’estate l’attività antidroga dei reparti della Compagnia di Vittoria prosegue senza sosta. In pochi giorni i Carabinieri della Stazione di Comiso hanno denunciato 2 giovani per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico, nel corso di approfonditi controlli effettuati nei locali serali e notturni della città kasmenea, con particolare riferimento alla Piazza Fonte Diana e zone limitrofe, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria di Ragusa:

·      S.V.E., cileno cl. 95, residente a Comiso, celibe, nullafacente, pregiudicato, poiché, seguito perquisizione personale e domiciliare, veniva trovato in possesso gr. 7,6 di sostanza stupefacente del tipo “Marijuana”, occultata all’interno di un vaso di vetro chiuso ermeticamente da un tappo di latta, nonché di un bilancino di precisione e la somma contante di euro 150,00, ritenuta provento dell’illecita attività;

·      R.D., comisano cl. 81, celibe, cuoco presso un noto locale del centro, poiché seguito perquisizione personale avvenuta sul posto di lavoro e  domiciliare, veniva trovato in possesso di nr. 2 dosi del peso complessivo di gr. 1 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” e la somma contante di euro 100,00, ritenuta provento dell’illecita attivita’.

Inoltre, un giovane è stato segnalato 17enne è stato segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa quale assuntori di droga poiché trovato in possesso di gr. 2 di marijuana.

 

A tal proposito, si rammenta che chi viene trovato in possesso di sostanze stupefacenti, viene 'convocato' in Prefettura presso il Nucleo Operativo Tossicodipendenze (NOT) ad un colloquio che ha lo scopo di individuare le opportune azioni di recupero.
La sostanza sequestrata al trasgressore è sottoposta agli esami tossicologici per accertare la quantità e la qualità della stessa. 
In seguito a ciò, è il Prefetto della provincia l'autorità competente ad applicare una o più sanzioni amministrative alle persone che sono state trovate in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale. 

Se il soggetto è minorenne sono inviati al colloquio anche i genitori, al fine di fornire loro una corretta informazione sulle sostanze stupefacenti e sulle strutture pubbliche e private a cui rivolgersi per ottenere informazioni e consulenza.

Inoltre, la sostanza stupefacente è stata trasmessa al Laboratorio di Sanità Pubblica dell’ASP 7 di Ragusa per gli esami tossicologici del caso.

Con l’arrivo dell’estate proseguirà l’azione di contrasto da parte dei Carabinieri della Compagnia in tutte le piazze maggiormente frequentate dai giovani e nelle zone rivierasche.

Redazione