Cronaca Modica 18/06/2014 12:02 Notizia letta: 6409 volte

Furti nei negozi di parrucchieri: i Carabinieri arrestano 2 marocchini

Traditi dalla videosorveglianza
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-06-2014/1403085777-furti-nei-negozi-di-parrucchieri-i-carabinieri-arrestano-2-marocchini.jpg&size=417x500c0

Modica -  I Carabinieri della Stazione di Modica hanno arrestato i responsabili dei diversi furti, verificatisi nelle ultime settimane, in alcuni negozi della Contea, in particolare in attività di parrucchieri.

La scorsa notte sono stati perpetrati due furti a Modica bassa, uno all’interno di un ufficio comunale, ove venivano asportati diversi materiali da ufficio, alcuni elettrodomestici, un pc portatile ed un telefono cellulare, un altro in un negozio di parrucchieri da dove venivano rubate diverse attrezzature professionali, un cellulare e vari prodotti per capelli.

Proprio dopo l’ennesimo furto in un negozio di parrucchieri, la scorsa notte i Carabinieri di Modica hanno individuato i responsabili e, pertanto, hanno tratto in arresto TAOULI Mohamed, classe ’92, e AISSA Addioua, classe ’94, entrambi marocchini da diversi anni residenti a Modica.

I militari dell’Arma, dopo aver visionato alcune riprese del momento del furto dove si intravedevano due persone, nel corso delle ricerche degli autori del reato, notavano passeggiare per strada due giovani che assomigliavano alle persone riprese poco prima dalla telecamera.

Immediatamente la pattuglia dei Carabinieri provvedeva a fermare ed identificare i due giovani stranieri e, dopo averli sottoposti a perquisizione personale, venivano rinvenuti nella loro disponibilità due cellulari asportati poco prima.

A questo punto, i militari dell’Arma estendevano la perquisizione al domicilio dei due giovani e, nascosti in una camera, trovavano il resto della refurtiva provento dell’ultimo colpo.

Al termine degli accertamenti, i due ragazzi marocchini venivano dichiarati in stato di arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso e pertanto venivano sottoposti agli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Ragusa.

Nel corso della giornata i Carabinieri hanno provveduto ad invitare in caserma le vittime degli ultimi furti ai quali è stata restituita la refurtiva recuperata.

 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg