Attualità Modica

Il protocollo di Modica? Fermo agli anni 90

Carenze tecnologiche

Un tuffo all’indietro nel tempo con l’ufficio protocollo e archivio del Settore urbanistica. Non è un amarcord, ma una constatazione sul livello tecnologico dei due uffici comunali. “Sono ancora fermi in quanto a metodologia di lavoro agli anni ’90 – dice il consigliere comunale Giuseppe Stracquadanio -. L’archivio non ha un adeguato sowftware per l’archiviazione online dei documenti. All’interno della stanza dove è ubicato, sono evidenti delle scaffalature in uno stato precario, senza adeguate misure di sicurezza per il personale. Inoltre, tutte le documentazioni archiviate si trovano all’interno di cartelle consumate dagli anni e quindi poco leggibili. Infine, il paradosso dell’archivio del Settore urbanistica è l’ubicazione di un secondo archivio esclusivo per le pratiche tecniche in sanatoria, che non è allogato con l’archivio generale. Si trova sempre nello stesso immobile ma a una distanza notevole, con la speranza che non piova sia per il personale, visto che deve uscire per recarvisi, che pure per gli utenti, che rischiano di perdere più tempo del dovuto”.
La proposta di Stracquadanio al sindaco, Ignazio Abbate, affidata a una lettera aperta è quella di riorganizzare l’ufficio in modo adeguato. La riorganizzazione secondo il consigliere non sarebbe onerosa. “Bisogna risistemare gli uffici e acquistare attrezzature economiche adeguate”.
“Questa situazione è frutto delle precedenti Amministrazioni – conclude dicendosi fiducioso nell’accoglimento della sua richiesta -. Spero che presto la collettività possa fruire di servizi più agevoli”.
 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif