Attualità Vittoria 22/06/2014 19:14 Notizia letta: 1357 volte

Emanuele Cisi incanta il Vittoria Jazz Fest

Dedica alla nonna
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-06-2014/1403457512-0-emanuele-cisi-incanta-il-vittoria-jazz-fest.jpg&size=751x500c0

Vittoria - Il concerto sul palco del Vittoria Jazz Festival di Emanuele Cisi e dei suoi musicisti ( Aldo Zunino al contrabbasso e Adam Pache alla batteria), raccolti dal sassofonista torinese in un trio ‘pianoless’, «che mi da l’opportunità di esprimermi al meglio – ha detto», ha inizio con un brano che il musicista ha voluto dedicare alla nonna, nata a New York nel 1912, dal titolo Mama Anita.
La formula del trio senza pianoforte mette in luce le caratteristiche dello straordinario musicista, da tempo fra i più apprezzati sulla scena internazionale. Dopo il recente tour americano che ha riscosso critiche entusiastiche, il NY3 di Cisi è approdato a Vittoria, nell’elegante cornice del Vittoria Jazz Festival, dove ha eseguito molti brani de suo ultimo lavoro discografico, pubblicato per la prestigiosa etichetta americana MAXJAZZ. La musica del trio è votata all’essenzialità, alla pura energia e all’interplay: muovendosi sul solco della grande tradizione del Jazz, tra brani originali e riletture di classici.
Questa sera (alle 22) chiude il terzo weekend del festival il trombettista americano Terell Stafford, definito «uno dei migliori del nostro tempo».
Stafford si è avvicinato al jazz ottenendo presto importanti collaborazioni a fianco di musicisti come McCoy Tyner, Christian McBride, John Clayton, Steve Turre, Dave Valentin e Russell Malone.
Di recente ha prodotto un disco intitolato New Beginnings, al fianco di una serie di nuovi talenti emergenti del jazz d’oltreoceano.
Lo accompagna una sezione ritmica d’eccellenza guidata dal pianista Danny Grissett, da anni sparring partner di Tom Harrell, affiancato dal contrabbassista Darryl Hall e da Roberto Gatto, il più apprezzato batterista italiano all’estero.
Prima del concerto (dalle 20) e durante, dentro il cortile dell’ex centrale elettrica il ‘Degus…tango’: tangheri iblei si sono dati appuntamento per una serata, tutta da ballare, all’insegna della Milonga, uno dei ritmi del tango argentino, genere musicale originario della regione del Rio de la Plata tra Argentina e Uruguay.

Redazione