Sport Vittoria 22/06/2014 09:38 Notizia letta: 6045 volte

Body building, i successi di Mazzotta

A New Castle
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-06-2014/1403422785-0-body-building-i-success-di-mazzotta.jpg&size=547x500c0

Vittoria - Ancora un vittoriese sul tetto del mondo del body building. Si tratta, anche stavolta, di Antonio Mazzotta, che ha saputo imporsi nella recente competizione svoltasi a New Castle, nel Regno Unito.
Mazzotta era stato, infatti, invitato a partecipare all'edizione 2014 dell'Ibfa Mister International. Si tratta di una gara molto particolare, organizzata dalla International Bodybuilding & Fitness Association, alla quale possono accedere, esclusivamente su invito, gli atleti che hanno già conquistato titoli internazionali molto prestigiosi. Domenica scorsa, in Inghilterra, c'erano quindi i migliori 100 atleti del mondo e fra loro anche il body builder vittoriese nel 2010 ha vinto il mondiale Ibfa, il Trofeo “The best- Open internazionale” ed è arrivato quarto al Trofeo “Due torri”. Poi la decisione di fermarsi, di ritirarsi dalle gare e continuare solo la sua attività di trainer nelal sua palestra di Vittoria, la Master Fitness.
“Dopo quelle vittorie- dichiara Mazzotta- avevo deciso di fermarmi e di non partecipare più a nessuna competizione. Cinque mesi fa, però, mi è arrivato questo invito e non ho resistito. Certo, ci sono voluti molti allenamenti e tanta attenzione anche all'alimentazione, ma ne è valsa la pena”. In effetti Mazzotta ha letteralmente conquistato l'Inghilterra, stregando tutti i giudici con la sua simmetria ed i suoi tagli che gli hanno permesso di conquistare il titolo di “IBFA Mister International 2014” nella sua categoria, over 45 h/p fino ad 1,75 m.
“Dedico questa vittoria- dichiara Mazzotta- innanzitutto a me stesso, per i sacrifici che ho sostenuto e che mi hanno permesso di ottenere questo risultato prestigioso, poi alla mia famiglia, mia moglie ed i miei figli, ed a tutti gli allievi della mia palestra, che per cinque mesi hanno sopportato il mio atteggiamento 'stressato' per via del duro allenamento e della dieta ferrea che ho seguito. Chi non conosce questo sport non si rende conto dei sacrifici e dei duri allenamenti che bisogna affrontare per prepararsi ad una competizione. Ci sono tante ore di palestra, ma c'è anche un rigido regime alimentare da seguire che non ammette alcun tipo di deroga”.
Continuerai a gareggiare?
“Sinceramente sono ancora molto indeciso- risponde-. Chi non conosce questo sport non si rende conto degli enormi sacrifici che ci sono dietro un trofeo. Mi è già arrivato l'invito per “Mister Universo”, in programma questa volta in Italia, a Sapri, fra tre settimane, ma non ho ancora deciso”.

Nadia d'Amato