Appuntamenti Ispica 23/06/2014 08:06 Notizia letta: 6748 volte

Da Vendicari a Calamosche

Escursione “marittima” per Legambiente Ispica
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-06-2014/1403503813-0-da-vendicari-a-calamosche.jpg&size=727x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-06-2014/1403503813-1-da-vendicari-a-calamosche.jpg&size=668x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-06-2014/1403503813-0-da-vendicari-a-calamosche.jpg&size=727x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-06-2014/1403503813-1-da-vendicari-a-calamosche.jpg

Ispica - Con l’arrivo della bella stagione, le escursioni promosse dal Circolo Sikelion si fanno più vicine alle esigenze dei tanti turisti forestieri e così, domenica 29 giugno, i volontari del Cigno Verde faranno tappa sulla costa, attraverso un percorso di circa 8 kilometri che, partendo dalla riserva naturale di Vendicari, condurrà i partecipanti sino all’incantevole spiaggia di Calamosche, tra le più belle della Penisola; il tutto attraverso un sentiero che consentirà di ammirare anche la vicina Tonnara settecentesca (o “Bafutu”) e la cosiddetta Torre Sveva (fortificazione medievale costruita probabilmente da Pietro d’Aragona, conte di Alburquerque e duca di Noto).
La Riserva, già prevista da una legge regionale del 1981, è stata istituita ufficialmente solo 1984, dopo accese lotte ambientaliste ed interminabili trafile burocratiche. Numerose sono le specie di uccelli che sostano nell’area, mostrandosi incantevolmente ai visitatori: i trampolieri, gli aironi cenerini, le cicogne, i fenicotteri, il germano reale, i gabbiani, i cormorani e, dulcis in fundo, il maestoso cavaliere d’Italia, che sosta qui nel suo viaggio dal deserto del Sahara ai luoghi di nidificazione nel Nord Europa.
Le caratteristiche dell’ecosistema hanno favorito una vegetazione assai ricca e varia, con alternanza tra associazioni di piante rupicole psammofile (cioè “amanti della sabbia”).
Tuttavia, Vendicari rappresenta un luogo di straordinaria importanza non solo sotto il profilo naturalistico, data la presenza di numerosi reperti archeologici che ne testimoniano l’antropizzazione già in epoca greca.
Poiché è previsto un numero chiuso, chi volesse accaparrarsi gli ultimi posti disponibili deve contattare al più presto gli Organizzatori all’indirizzo email sikelion.legambiente@gmail.com oppure al 334/3308083. La quota di partecipazione è fissata in 4 euro per i soci e 7 per tutti gli altri, comprensivi di servizio guida (a cura di Paolino Uccello) e assicurazione; quanto all’attrezzatura, sono consigliati scarponi da trekking, cappellino, crema protettiva, pranzo a sacco e, per chi volesse approfittarne per un bagno rinfrescante, anche costume e telo mare.

«Tra gli obiettivi che più stanno a cuore alla nostra Associazione -ha commentato la presidente, dott.ssa Natalia Carpanzano- c’è la promozione del turismo ecosostenibile, e possibilmente a kilometro zero: i luoghi in cui condurremo i partecipanti a questa escursione vogliono appunto sensibilizzare i cittadini, anche forestieri, nei confronti di un territorio che merita di essere conosciuto e amato certamente assai più di quanto i suoi stessi figli sono soliti fare».

Redazione