Giudiziaria Modica 29/06/2014 21:42 Notizia letta: 4002 volte

Omissione di soccorso, 13 mesi per Sortino

Passa la linea della difesa
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-06-2014/1404071093-0-omissione-di-soccorso-13-mesi-per-sortino.jpg&size=763x500c0

Modica - Condannato a 13 mesi di reclusione per omissione di soccorso e fuga il modicano Rosario Sortino, 46 anni. L’ha deciso il giudice unico del tribunale di Ragusa, Elio Manenti, a fronte della richiesta del Pubblico ministero di 2 anni di carcere.
Era il 24 dicembre del 2008 quando Sortino, alla guida di un mezzo municipale, in quanto all’epoca era dipendente comunale, stava transitando per motivi di servizio intorno a mezzogiorno in via Risorgimento, al quartiere Sorda. L’uomo non si fermò a uno stop, ma tirò dritto investendo una Fiat Punto che procedeva per la sua strada.
La conducente dell’utilitaria, I.S., di Modica, restò ferita, ma Sortino non si fermò per prestarle soccorso, anzi fuggì via. Grazie alle testimonianze dei presenti che avevano assistito al sinistro, il 46enne fu rintracciato nella sua abitazione appena un paio d’ore dopo l’incidente dalla polizia municipale e fu sottoposto all’alcooltest.
Per le risultanze positive subì un primo processo con l’accusa di guida in stato di ebbrezza. Il legale difensore, l’avv. Salvo Maltese, è riuscito in aula a dimostrare come l’uomo avesse proseguito verso casa scioccato per quanto gli era accaduto. Ed è nella sua abitazione che, secondo la difesa, Sortino avrebbe assunto una bevanda a base di vino e altri ingredienti che per la tradizione popolare seguita da qualche familiare lo avrebbe dovuto aiutare a superare lo shock e lo stato ansioso conseguente all’incidente causato.
Il tasso alcolemico per la difesa era, quindi, superiore a quanto stabilito dalla legge proprio a causa di questo episodio. La tesi convinse il giudice, che assolse Sortino dall’accusa di guida in stato di ebbrezza.
La Procura della Repubblica, però, gli ha contestato il reato assai più grave dell’omissione di soccorso e conseguente fuga. E ora giunge la condanna a 13 mesi di reclusione.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg