Appuntamenti Ragusa 02/07/2014 22:46 Notizia letta: 2332 volte

Nir Mazliah alla galleria Clou

Dal 4 luglio al 27 settembre
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2014/nir-mazliah-alla-galleria-clou-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2014/1404334166-1-nir-mazliah-alla-galleria-clou.jpg&size=742x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2014/1404334294-1-nir-mazliah-alla-galleria-clou.jpg&size=748x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2014/nir-mazliah-alla-galleria-clou-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2014/1404334166-1-nir-mazliah-alla-galleria-clou.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2014/1404334294-1-nir-mazliah-alla-galleria-clou.jpg

Ragusa - Le sue opere si leggono come fossero dischi. Le note sono il colore, il supporto è la tela. L’autore è l’israeliano Nir Mazliah che cristallizza la sua ricerca pittorica nella personale “Liquid Places” curata da Francesco Lucifora che verrà inaugurata venerdì 4 luglio alle ore 19 negli spazi della Galleria Clou.
I dipinti di Mazliah sono immagini ben calate nella sua realtà precaria, liquida che trasformano le sue preoccupazioni legate all’instabilità della propria patria, alla partenza e al trauma dell'allontanarsene. Ogni opera ha due facce, due modi di guardare sul mondo: su un lato tutto è più chiaro e preciso mentre sull’altro lato, il retro, c’è un mondo rovesciato. Un mondo più astratto.
Ecco perché per interpretare i quadri di Mazliah, una possibile chiave di lettura è quella della ricerca di un ordine nel caos: una posizione sicura dove poggiare i piedi e osservare la realtà. Ma le sue opere galleggiano perché spesso la vista è offuscata come da nebbia e pioggia.
In mostra oltre dieci lavori che trattano temi di luogo e trasmettono diverse attitudini, modi di vivere e pensare il rapporto instabile tra identità, territorio e realtà. I suoi lavori, tra i quali Waiting, Noah o Childhood, pongono una domanda costante: quale è la posizione dell'uomo nel mondo? Il reale cambia con una velocità sovrumana, gli strumenti per capire e vedere spesso sono inadeguati.
“Il lavoro di Nir Mazliah racchiude un'intermittenza tra mito e narrazione, un mito che non ha una stabilità certa ma si consuma nel presente dentro un continua ricerca di un ordine sicuro. La narrazione dei dipinti corre insieme alle scelte pittoriche dell'artista israeliano e corrispondono a uno stato liquido ed evanescente, la volontà di catturare il movimento davanti e dietro la lente che filtra un momento. [...] Una pittura che lascia molto spazio alla rarefazione, superato ogni realismo superfluo anche il paesaggio Ë contemplato nel suo resistere o soccombere, in questo l'artista Ë più diretto e stempera l'uso del filtro senza alcun timore della luce o dell'oscurità improvvisa” Francesco Lucifora.

(bio)
Nir Mazliah è nato a Tel-Aviv (Israele) nel 1976, città dove vive e lavora. Dopo gli studi in design, visual communication e belle arti ha partecipato a numerose mostre collettive tra cui nel 2008 la Ramat HaSharon Biennale for young artists. Recentemente la sua personale "Light Came And Went Away" è ospitata alla Sissman Gallery di Tel-Aviv. Nel 2012 è stato selezionato per la sesta edizione dell’International Arte Laguna Prize, esponendo per la prima volta in Italia. Le sue opere sono presenti in diverse collezioni sia in Israele e sia in Francia.

Redazione