Appuntamenti Siracusa 17/07/2014 12:23 Notizia letta: 5614 volte

I Carmina Burana al teatro greco di Siracusa

Il 20 luglio
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-07-2014/i-carmina-burana-al-teatro-greco-di-siracusa-500.jpg

Siracusa - Il sito archeologico è di splendore incomparabile, la città in cui si trova è straordinaria, ricca di bellezze magnifiche ad ogni angolo, e consente un tuffo nella storia più antica: stiamo parlando del Teatro Greco di Siracusa, considerato uno dei più belli del mondo; un luogo davvero magico dove si può sentire fisicamente la presenza della civiltà e dell'arte che da secoli impregnano le sue pietre millenarie.
Come si poteva lasciare la cavea aretusea priva dell'arte delle arti, la musica? Finalmente, in questo mese di luglio, grazie alla programmazione del Festival Euro Mediterraneo la lacuna è stata colmata, inserendo il Teatro Greco di Siracusa nei circuiti internazionali dei maggiori festival del mondo, con una prima stagione dall’offerta davvero incredibile: non solo la grande lirica – con l’allestimento operistico di Aida firmato da Enrico Castiglione, regista e scenografo di fama internazionale – ma anche la grande danza e, in generale, la grande musica classica.
Era allora d'obbligo, in un cartellone così importante, prevedere anche un repertorio sinfonico-corale di un certo rilievo, e così la scelta non poteva che cadere sui celeberrimi Carmina Burana di Carl Orff, una partitura impervia per i solisti, i cori, i pianisti solisti, l'orchestra di percussioni, il direttore, e che sarà eseguita nella versione integrale con spettacolari effetti luci. In abbinamento ai Carmina Burana è stata scelta una partitura di rara esecuzione e di difficile interpretazione come la Misa Criolla di Ariel Ramirez, opera di cui, tra l'altro, ricorre quest'anno il cinquantenario della composizione.
Ad accettare la “sfida” è un cast di prestigio ed eccellenza, che vede impegnato il Coro Lirico Siciliano, realtà di consolidata preparazione e possanza vocale, che per l'occasione dispiegherà un numero impressionante di quasi cento artisti del coro, selezionati uno ad uno sulla base delle imprescindibili capacità necessarie per l'esecuzione ottimale della difficile pagina di Orff, coro che le doti vocali, tecniche, interpretative e musicali pongono in rilievo a livello nazionale.
Preparatore, con la consueta attenzione e cura dei dettagli, sarà il maestro stabile del coro, Francesco Costa, musicista dotato di ottime capacità espressive, come dimostrato anche nelle produzioni (Norma di Bellini, Rigoletto di Verdi, Cavalleria rusticana di Mascagni e Pagliacci di Leoncavallo) andate in mondovisione dal Teatro Antico di Taormina, sempre con la regia e le scene di Enrico Castiglione e cast stellari tra cui figurano i nomi di Daniela Dessì, Gregory Kunde, Fabio Armiliato, Piero Giuliacci, Gianluca Terranova, Steven Mercurio, Gianluca Martinenghi, Giuliano Carella e molti altri.
Nei Carmina Burana pianisti solisti saranno Luca Ballerini e Roberto Carnevale, artisti di spicco, vincitori di prestigiosi concorsi internazionali, compositori e scrittori di saggi sulle più importanti riviste di classica, considerati specialisti del repertorio, eseguito dagli stessi in varie parti del mondo. Da rilevare la partecipazione dell'orchestra Percussio Mundi diretta da Giovanni Caruso, un organico formato da valenti percussionisti che suonano stabilmente in Italia e all’estero da solisti e in ensemble. Sul podio Jacopo Sipari Di Pescasseroli, uno dei più giovani e promettenti direttori italiani, raffinato interprete e specialista, inventore della formula "concerto-evento", pianista, compositore, cantante lirico, con all'attivo la prima direzione d'orchestra a soli sedici anni e numerosissimi concerti patrocinati dalle più importanti istituzioni nazionali ed europee, oggi direttore stabile dell'Orchestra Marco dall'Aquila.
Il cast solistico di assoluto prestigio vocale schiera, tra gli altri, i soprani Giovanna Collica e Gonca Dogan e il controtenore Alberto M. A. Munafò Siragusa, anch'essi specialisti di un repertorio che hanno già più volte interpretato per il Festival Belliniano e il Festival Euro Mediterraneo al Teatro Antico di Taormina e al Teatro Greco Romano di Catania.
La Misa Criolla di Ramirez vedrà ancora alla ribalta il Coro Lirico Siciliano, sul podio lo stesso maestro del coro, Francesco Costa, musicista ormai collaudato nei teatri di pietra siciliani; tenore solista il giovanissimo e già vincitore di concorsi nazionali Dave Monaco, autentica promessa della lirica. Ritorna la formazione di percussioni e suoni della natura Percussio Mundi diretta da Giovanni Caruso. Il chitarrista di fama internazionale Agatino Scuderi offrirà una interpretazione personalissima della partitura di Ramirez, da lui stesso arricchita. Infine l'Orchestra da Camera del Festival Euromediterraneo e una fine musicista come Annalisa Mangano, pianista ufficiale della formazione corale siciliana.
Insomma, una serata di impatto dirompente, all'insegna della qualità dell'offerta musicale e del sicuro piacere all'ascolto: un momento in cui l'anima può abbandonarsi, e farsi ora cullare dalle dolci armonie, ora solleticare dai ritmi frenetici che le due opere hanno tra i loro pentagrammi.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg