Cronaca Ragusa 21/07/2014 13:35 Notizia letta: 6607 volte

Record di canne fumate a Marina di Ragusa

I rilievi dei carabinieri
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-07-2014/record-di-canne-fumate-a-marina-di-ragusa-500.jpg

Ragusa - I carabinieri della stazione di Marina di Ragusa unitamente a quelli dell’aliquota radiomobile della compagnia di Ragusa hanno segnalato ben nove giovani per possesso e uso di stupefacenti. Apparirebbe essere un record di segnalati poiché a memoria dei militari della compagnia carabinieri di Ragusa mai era successo che fossero stati segnalati in nove la stessa sera. Forse i giovani hanno scambiato Marina di Ragusa per una fumeria di cannabis a cielo aperto,

forse inalare il fumo sotto le stelle avrà una eco romantica o forse i giovani sono un pò spregiudicati e credono che sia più audace fumare in pubblico. Fatto è che i giovani “pizzicati” con erba e fumo, erano tutti sulla pubblica via, in particolare le vie Genova e Firenze. Non solo, tra i nove segnalati ci sono addirittura sei minorenni, per lo più tutti ragusani, eccetto due di Santa Croce Camerina. Nel complesso i carabinieri hanno sequestrato due spinelli interi, due grammi di marijuana e uno di hashish.

La cosa davvero singolare è la nonchalance con cui i ragazzi controllati era no occupati a rullare o fumare. Non sembra abbiano nemmeno preso in considerazione l’ipotesi di andare a fumare in qualche panchina di qualche giardinetto isolato, no, meglio in pubblico.

Tant’è che qualche abitante di via Genova, che già nel recente passato aveva segnalato ai carabinieri episodi di fumo di gruppo, incontri a sfondo sessuale, schiamazzi e muri presi per vespasiani, è sceso in strada e ha ringraziato i carabinieri per la loro azione preventiva e repressiva.

Nel contesto della nottata i militari hanno anche sottoposto sei conducenti di autovetture a controllo etilometrico, fortunatamente tutti con esito negativo. Nei locali pubblici controllati dai carabinieri con la guardia di finanza non sono emerse irregolarità nelle licenze né violazioni amministrative.

Redazione