Attualità Scicli 23/07/2014 11:48 Notizia letta: 3695 volte

Bocciatura bilancio Corte Conti, Susino replica

Alcune note di merito
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-07-2014/1406108925-0-bocciatura-bilanci-corte-conti-susino-replica.jpg&size=667x500c0

Scicli - L’amministrazione comunale di Scicli interviene in materia di bilancio.
Dal 23 gennaio 2014 è stata nominata una nuova giunta che, come prima attività, ha rapidamente elaborato uno schema di bilancio 2013, con i dati in suo possesso e subito dopo, disconoscendo l’operato precedente, ha avviato un processo di rinnovamento delle impostazioni dei documenti di bilancio.
Ha proceduto a una diversa organizzazione dell’apparato amministrativo (sostituendo i precedenti titolari in settore chiave, in particolare del settore Finanze e dello Sviluppo Economico e incaricando un capo settore per i Tributi, compattando i servizi nel Settore Tecnico), e ha, con criteri e metodi differenti, reimpostato l’intera attività del Comune.
Il piano di riequilibrio approvato con delibera di C.C. n. 41 del 16/07/2013, è stata oggetto, seppur indirettamente, di modifiche derivanti dall’approvazione, da parte del consiglio comunale, del bilancio di previsione per l’anno 2013, e pluriennale 2013-2014, giusta delibera consiliare n.14 del 6 febbraio 2014, che segue indirizzi ricorretti a quelli individuati nel piano di riequilibrio, con rimodulazione di spesa in riduzione, approvazione di parte dei debiti fuori bilancio e verifica dei rimanenti per una congrua riquantificazione al fine del loro riconoscimento nell’esercizio corrente e successivi, riaccertamento dei residui attivi e passivi, ai fini dell’approvazione del conto del bilancio per l’anno 2013, quest’ultimo approvato in data 17 giugno 2014 con delibera consiliare n.96 e da quale risulta un avanzo di amministrazione.
Per queste motivazioni, anche nella memoria presentata all’udienza del 18 luglio 2014 dall’Amministrazione Comunale, richiedeva di rimodulare il piano di riequilibrio per renderlo coerente alle successive attività che l’Ente ha apportato e si accinge ad apportare dal 16 luglio 2013 (data di approvazione del Piano di riequilibrio come da delibera consiliare n.41) alla data odierna.

Redazione