Lettere in redazione Vittoria 28/07/2014 10:48 Notizia letta: 5210 volte

A Scoglitti? Tutto a posto

Ci scrive Gianni Stracquadanio, di Green Italia
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-07-2014/1406537402-0-a-scoglitti-tutto-a-posto.jpg&size=750x500c0

Vittoria - È ormai tradizione estiva consolidata quella di leggere comunicati stampa emanati da codesta amministrazione in cui si afferma che a Scoglitti risulta essere” tutto a posto”. L’ esperienza di chi promulga tali scritti è tale da riuscire a porre come scudo davanti a se commercianti ed operatori turistici della frazione, i quali giustamente vorrebbero che si parlasse bene di questo mare. Noi di Green Italia-Verdi europei, non solo vorremmo si pubblicizzasse il nostro litorale, ma desidereremmo possedere reali argomenti per poter elogiare Scoglitti, attestati concreti.
Gli assessori Avola e Dezio raccontano di risultati dell’arpa ottimali, parlano di depuratore a Scoglitti, minacciano di adire alle vie legali per
delle foto emanate sui network riguardanti roditori bagnanti. Non abbiamo interesse a difendere chi diffonde certe foto, ma ci pare sicuramente esagerato ricorrere agli avvocati per tali quisquiglie. Questo è un segnale di debolezza da parte degli amministratori ai quali ricordiamo che in democrazia va data giusta considerazione a chi esercita l’opposizione, specie se il grido d’allarme proviene direttamente dai cittadini.
La teoria del “tutto a posto” non ci soddisfa più, e con l’avvento della “Trasparenza” piuttosto che leggere le solite dichiarazioni tranquille di mezza
estate, i nostri amministratori dovevano diffondere direttamente i documenti riguardanti i prelievi esaminati dall’ARPA, in modo che ognuno si potesse cimentare nella personale interpretazione.
La nostra richiesta non si ferma semplicemente agli atti, come detto sopra noi miriamo a fatti concreti, intendiamo il salto di qualità per la frazione, la BANDIERA BLU. Se i nostri amministratori avessero avuto veramente a cuore i commercianti e gli operatori turistici di Scoglitti, il loro obbiettivo sarebbe dovuto essere quello di ottenere tale riconoscimento per il nostro mare.
Traguardo che non è ormai nella loro portata se andiamo a vedere quali sono le caratteristiche elencate per ottenerlo. Prima tra tutti la frazione dovrebbe avere un vero depuratore delle acque reflue, altra richiesta fondamentale la raccolta differenziata spinta dei rifiuti solidi urbani. Per accedere all’elenco completo dei requisiti richiesti per ottenere la BANDIERA BLU, consigliamo agli amministratori e a quei cittadini che amano documentarsi, di cercarli nel sito evihttp://www.bandierablu.org/common/aboutus.aspdente dove si legge appunto quanto segue: ” al centro delle varie problematiche diversificate, è posta, in maniera trasversale, la necessità di garantire la massima vivibilità del territorio che si manifesta attraverso una serie di interventi quali la depurazione delle acque reflue; la gestione dei rifiuti con particolare attenzione alla raccolta differenziata e ai rifiuti pericolosi, quali batterie esauste ed oli usati; la regolamentazione del traffico veicolare, anche attraverso l’istituzione di aree pedonali, piste ciclabili, parcheggi decentrati e bus – navetta; la cura dell’arredo ed il decoro urbano; la sicurezza ed i servizi in spiaggia”.
Codesta amministrazione, composta da persone che stanno sulla scena politica da oltre vent’anni, se non si è posta in precedenza tali ambiziosi obbiettivi, ci pare ormai difficile li realizzi in soli due anni di mandato che rimangono da qui al 2016.
Al sindaco Nicosia ricordiamo che la raccolta differenziata dei rifiuti, oltre ad essere un requisito per ottenere la BANDIERA BLU, era uno dei dieci punti del suo programma elettorale, che tarda ad essere realizzato. Se nella primavera del 2011, mentre preparava i dieci punti del programma elettorale, avesse elencato il Beach Soccer al posto della raccolta differenziata, il nostro primo cittadino sarebbe stato sicuramente più credibile.
Infine vogliamo dire ai nostri amministratori che siamo contenti di avere la bandiera verde per Scoglitti, ma la nostra ambizione ci porta a desiderare la BANDIERA BLU così come altre località balneari della nostra provincia, quali Pozzallo e Marina di Ragusa hanno già ottenuto, in modo che i turisti orientati verso le spiagge siciliane trovino finalmente anche Scoglitti tra le cittadine accreditate.

Gianni Stracquadanio