Sanità Modica 06/08/2014 18:38 Notizia letta: 3075 volte

Pediatria, nessuna unità in più di personale

Nessun potenziamento
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-08-2014/1407343186-0-pediatria-nessuna-unita-in-piu-di-personale.jpg&size=667x500c0

Modica - Con la riapertura - datata 28 luglio - del reparto di Pediatria dell’ospedale Maggiore di Modica e con le rassicurazioni dell’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa circa il prosieguo regolare dell’attività di chirurgia dell’Oculistica, smentendo che mai ci sia stato alcun problema, sembrava che tutto potesse procedere nel migliore dei modi. I due reparti funzionano bene, punto e basta.
Invece, proprio quella nota ufficiale divulgata dall’Ufficio stampa dell’Azienda sanitaria provinciale ha sortito l’effetto contrario, sollevando un vespaio di polemiche per quanto riguarda la Pediatria.
Nella nota, infatti, è scritto, con riferimento proprio alla situazione del reparto di Pediatria, che “l’organico è stato arricchito da due unità”. Sarà stato un errore, un disguido interno all’Azienda sanitaria, o chissà cosa, fatto sta che non ci sono nuove unità al lavoro, ma si è trattato precisamente del rientro del primario (che si era assentato per malattia) e di una dottoressa (assente secondo quanto sancito dalla legge 104).
Al lavoro, insomma, sono quelle due stesse unità che componevano già l’organico del reparto e la cui assenza ha causato la momentanea chiusura di Pediatria, con le conseguenti preoccupazioni dei cittadini e di alcuni esponenti politici e comitati.
Del resto non si sarebbero potute assumere da parte dell’Azienda sanitaria due unità sic et simpliciter senza un concorso a monte o magari pescando da una graduatoria già esistente. Da qui l’innesto della polemica alla lettura di quanto comunicato dalla stessa Azienda.
Dal Maggiore voci di corridoio parlano di un mero errore da parte dell’Asp di Ragusa nella comunicazione, del resto non ci sarebbe stato motivo di affermare l’assunzione di due nuove unità quando queste non ci sono.
È stato impossibile, comunque, parlare ieri mattina con l’ufficio personale dell’Asp di Ragusa, in quanto subito dopo la presentazione quale giornalista de La Sicilia, chi ha risposto al telefono sosteneva che la comunicazione fosse disturbata. A quel punto si è convenuto che appena staccata la telefonata si sarebbe immediatamente da parte nostra ricomposto il numero. Così è stato fatto, ma nessuno ha più risposto.
Quel che importa è che il reparto è tornato a funzionare e le mamme che hanno scelto Modica quale città che darà i natali ai propri pargoli potranno partorite in tutta serenità all’ospedale Maggiore, sapendo che il reparto è operativo e pronto a intervenire laddove si rendesse necessario.

Valentina Raffa