Sport Modica 11/08/2014 19:47 Notizia letta: 2262 volte

Calcio, Bellia: noi non abbiamo commesso reati

Parla l’Ufficio legale dell’Ad Modica Calcio
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-08-2014/1407779317-0-calcio-bellia-noi-non-abbiamo-commesso-reati.jpg&size=480x500c0

Modica - “L’attuale dirigente non ha commesso alcun illecito di nessuna natura”. L’Ufficio legale dell’Asd Modica Calcio, torna a commentare dopo la denuncia da parte della Gdf di Modica dei tre ultimi presidenti per omessa dichiarazione dei redditi, avendo fruito di agevolazioni fiscali che non spettavano alla società, e il sequestro per equivalente per 319.947 euro, visto che l’Asd non aveva proprietà da cautelare.
“I fatti contestati anche al presidente Pietro Bellia – scrive l’Ufficio legale - sono frutto di gestioni dal 2009 al 2012 quando lui e i dirigenti facevano altro. Il fatto che la società sia stata rilevata il 7 dicembre coinvolge solo formalmente l'attuale compagine societaria”. I legali fanno presente la richiesta reiterata all’ex presidente Cundari delle fatture, ma senza risultato, sottolineando come “la documentazione fiscale e l’Iva da versare fossero in possesso della Gdf dopo un sequestro alla gestione Cundari”. “L'attuale dirigenza avrebbe dovuto avere consegnato il denaro dell'Iva riscossa e non versata per il 2012 da Cundari che non ha consegnato. I debiti contratti con la P.a. sono di responsabilità piena e diretta del legale rappresentante che ha l'obbligo di assolvere al pagamento delle tasse. L'Accordo tra le parti dichiarava una concorrenza dell'Iva a gravare sulla società per 37mila euro, che l'attuale dirigenza ha deciso di accollarsi nonostante il suo diritto a non farlo. Tanto si doveva per non insozzare una gestione tra le più elogiate”.

Valentina Raffa