Attualità Ragusa 13/08/2014 12:15 Notizia letta: 3028 volte

Ragusa resta senza piscina fino a ottobre


Warning: getimagesize(http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-08-2014/1407925012-0-ragusa-resta-senza-piscina-fino-a-ottobre.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 547

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 548
Carte in Procura
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-08-2014/1407925012-0-ragusa-resta-senza-piscina-fino-a-ottobre.jpg&size=0x500c0

Ragusa - La manifestazione d'interesse per la gestione della piscina comunale finisce in Procura. Un esposto è stato presentato venerdì dai rappresentanti di una delle tre società che avevano presentato la propria offerta economica aderendo ad una manifestazione di interesse avanzata dal Comune. L'ultimo step di una vicenda che ha vissuto varie fasi. Prima il Comune aveva deciso di affidare la gestione ad un privato. Poi si è fatto dietrofront e si è deciso di procedere con una gestione diretta da parte dell'ente pubblico chiamato però ad individuare una società che si sarebbe dovuta occupare del servizio di custodia, guardiania, pulizie, salvataggio e trattamento delle acque.
"Inizialmente si era parlato dell'ipotesi di procedere con un bando per tre anni con una spesa di 26 mila euro al mese - spiega Paolo Fuggetta, rappresentante legale della società cooperativa Lavorincorso che ha presentato l'esposto - Quando è uscito il bando però la previsione era non più per tre anni ma per due mesi, e non più 26 mila euro al mese ma questa somma era per due mesi". Nella manifestazione d'interesse la piscina comunale non è da sola perché, un po' a sorpresa, è stata inserita anche la gestione della palestra di via Bellarmino. La manifestazione di interesse viene portata avanti dal Comune e sono tre le società che si presentano. Due di queste società però sarebbero state escluse, almeno secondo quanto viene spiegato nell'esposto dal rappresentante dell'unica società che dunque sarebbe rimasta in gioco. Insomma la società che avrebbe potuto vincere questo bando, si è però sentita rispondere che l'Amministrazione comunale ha nuovamente stoppato le procedure e pertanto al momento non se ne parla. Secondo la società in questione, come appunto riportato nell'esposto in Procura, vi sarebbero dei motivi diversi rispetto a quelli prettamente amministrativi. Si fa riferimento a delle parentele tra un dipendente del Comune e alcuni soci di una delle due società in teoria escluse (una di queste per l'assenza delle firme del rappresentante legale sui lembi delle buste contenente le offerte presentate al Comune). "Non capiamo perché - viene spiegato da Fuggetta - questa manifestazione di interesse è stata improvvisamente stoppata. Stavamo vincendo e forse al Comune di Ragusa non piace il fatto che fossimo noi a vincere il bando della manifestazione di interesse per la gestione della piscina? Tra l'altro questo stop ci è stato comunicato solo verbalmente, e non si capisce dunque a quale titolo. Finora, nonostante siano già passati vari giorni dall'apertura delle buste, non ci è arrivata nessuna comunicazione ufficiale e anche sul sito del Comune non c'è scritto nulla che indichi lo stop della manifestazione di interesse. A tutela dei nostri diritti non abbiamo potuto fare altro che procedere alla presentazione di un esposto. Sarà la Procura a valutare informazioni e fatti. Abbiamo chiesto di essere ascoltati" (La Sicilia).

I fatti contestati

La Coop. Ragusana Multiservizi che ha gestito fino ad ora andava esclusa poiché la busta non era sigillata correttamente (mancavano le firme sui lembi) ed in più uno dei due amministratori (Veronica Giuffrida) è la figlia del RUP dello stesso bando il Dott. Salvatore Giuffrida. La commissione del bando invece di aggiudicare alla Coop. Lavorincorso la gara ha sospeso il tutto rinviando in un primo momento e poi ritirando a sorpresa il bando ed annunciando un nuovo bando per un affidamento più lungo nel tempo.

Redazione