Cronaca Modica 14/08/2014 22:38 Notizia letta: 2238 volte

Incendiato cassonetto, danneggiata facciata Bapr

In via Iozzia
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-08-2014/incendiato-cassonetto-danneggiata-facciata-bapr-500.jpg

Modica - Calda non è solo l’estate a Modica, dove bruciano i cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani allogati in centro storico. Perché anche la primavera lo è stata con altri incendi dolosi. Stavolta ignoti piromani si sono divertiti a dare alle fiamme i contenitori per l’immondizia di corso Umberto I vicino alla sede della Banca agricola popolare di Ragusa. Qualche mese addietro ne erano stati dati alle fiamme due in corso Mazzini e uno in una traversa che si affaccia su corso Umberto I. Si trattava di incendi di chiara matrice dolosa, che erano stati appiccati a distanza di poco tempo l’uno dall’altro, e palemente opera dello o degli stessi autori.
Le fiamme che hanno avvolto i cassonetti stavolta hanno provocato danni non indifferenti anche alla facciata del palazzo sede dell’istituto bancario. Prima che qualcuno si accorgesse dell’incendio e chiamasse i pompieri, infatti, è passato un po’ di tempo dal suo innesco, per cui le fiamme hanno raggiunto una decina di metri d’altezza.
Si è persino distaccato il cornicione del palazzo, fortunatamente non rovinando su persone o cose, e danni ha riportato anche il secondo piano del palazzo sede della banca, in particolare ai vetri e alle tende parasole.
Sul posto i vigili del fuoco del distaccamento di Modica che, dopo avere spento il rogo, hanno provveduto al transennamento l’ingresso della viuzza per prevenire eventuali tragedie dovute ai danni riportati dall’immobile.
Le indagini sono seguite dai carabinieri della Compagnia di Modica, cui si è rivolta per sporgere denuncia l’impresa ecologica modicana Puccia Giorgio, proprietaria dei cassonetti per i rifiuti dati alle fiamme, che da anni subisce atti criminosi del genere. Se solo si pensa che ogni contenitore per l’immondizia ha un valore di circa 300 euro, si comprende come gli alti numeri di cassonetti rovinati nel corso degli anni in cui la ditta gestisce a Modica il servizio di nettezza urbana l’abbiano messa in seria difficoltà.
I militari dell’Arma hanno rilevato le immagini immortalate dalle videocamere di sorveglianza della banca e dei locali commerciali che insistono su corso Umberto I. Potrebbero essere utili all’identificazione dei piromani.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif