Attualità Ragusa 15/08/2014 20:58 Notizia letta: 2643 volte

100 persone in difficoltà economiche scerbano Ragusa

Per iniziativa dei servizi sociali
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-08-2014/1408129141-0-100-persone-in-difficolta-economiche-scerbano-ragusa.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-08-2014/1408129141-1-100-persone-in-difficolta-economiche-scerbano-ragusa.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-08-2014/1408129141-0-100-persone-in-difficolta-economiche-scerbano-ragusa.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-08-2014/1408129141-1-100-persone-in-difficolta-economiche-scerbano-ragusa.jpg

Ragusa - Procede la nomina dei primi ammessi per l’assegno civico rivolto alla persone in difficoltà economica residenti sul territorio comunale di Ragusa. Si fa riferimento alla graduatoria definitiva approvata con determina dirigenziale, riguardante l’assegnazione di contributi economici da parte del Comune di Ragusa a favore di famiglie in situazione di disagio socio-economico. Allo stato attuale, sono circa cento le unità impegnate in varie zone della città.

Si occupano della custodia delle ville, della scerbatura in alcune aree di Ragusa.

I restanti componenti della graduatoria saranno impegnati in una seconda fase. Erano già state rese note ai partecipanti le modalità di svolgimento dei servizi di pubblica utilità a fronte dei quali è corrisposto l’assegno civico, in favore di cittadini che versano in condizioni di disagio economico. Responsabile del procedimento la dottoressa Ornella Pricone, assistente sociale. “La nostra intenzione – dichiara l’assessore comunale ai Servizi sociali, Gianflavio Brafa – è stata quella di attuare interventi in favore di persone e di nuclei familiari che si trovano in stato di bisogno, privi di occupazione e abili al lavoro, stimolando le potenzialità lavorative dei soggetti assistiti, passo nuovo per garantire una equa distribuzione economica e dare dignità alle persone in difficoltà”. È stata richiesta la compilazione di una scheda con indicate le generalità, inabilità al lavoro, opportunamente certificata, patologie o eventuali allergie. Le unità sono impegnate dal settore ambiente in attività di custodia e pulizia. Il contributo è di 300 euro e viene assegnato al compimento di 60 ore di servizio di pubblica utilità. Sarà assegnato a tutti i componenti della graduatoria. Viene, inoltre, elargito anche un corrispettivo in riferimento al carico familiare. “Non più, dunque, un sussidio a pioggia – continua Brafa – ma la possibilità di un corrispettivo economico in cambio di una prestazione da parte dei richiedenti. Voglio ringraziare tutto il personale per il lavoro svolto nei settori Servizi sociali e Ambiente ai fini della gestione delle unità impegnate”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg