Attualità Scicli 18/08/2014 22:40 Notizia letta: 2231 volte

Un appuntamento fisso: il trekking cittadino di Esplorambiente

Partecipazione di pubblico
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-08-2014/1408394546-0-un-appuntamento-fisso-il-trekking-cittadino-di-esplorambiente.jpg&size=989x500c0

Scicli - Nel tardo pomeriggio di martedì 12 Agosto, con partenza alle 19:30 dal piazzale antistante la Chiesa di San Michele in Scicli, si è svolto il consueto percorso di Trekking Cittadino, promosso dall’Ass.ne Culturale Esplorambiente, giunto ormai alla sua ottava edizione.
Al suggestivo percorso che ha permesso di riscoprire e rivalutare angoli e scorci del centro storico hanno partecipato oltre 150 persone, guidate da Maria Vittoria Inì e Monica Carbone. L’itinerario ha voluto far emergere la convivenza, a Scicli, di due realtà di urbanizzazione: la ricostruzione tardobarocca, avvenuta a seguito del sisma del 1693, e l’habitat rupestre attraverso la preesistenza delle chiesette, degli abitati e delle sepolture tardoantiche. Lasciata la via F. M.Penna, sono stati attraversati gli antichi quartieri di San Giuseppe, di San Bartolomeo con Piedigrotta, il quartiere di Chiafura, la Via Loreto e il Pendinello.
Come sempre una sorpresa. Quest’anno la possibilità di visitare dall’interno, con la sola illuminazione delle candele, il settecentesco Convento del Ritiro, lungo la via maestra San Giuseppe, che con il suo loggiato e le terrazze interne ha incantato non solo i visitatori ma gli stessi sciclitani.
La serata si è conclusa presso il sagrato della chiesetta di San Vito, scenario privilegiato, dove gli ospiti sono stati accolti da tutti i soci dell’associzione che hanno allestito, con il contributo di numerose pizzerie locali e di sponsor tecnici, una degustazione di pizze.
Al termine una festa da ballo grazie alle musiche e ai balli eseguti dai Cordasicula e dagli Aranira. Sono stati proposti brani della tradizione siciliana e pugliese, insieme ad originali musiche di stornelli laziali e tarantelle. Oltre alle splendide voci, tamburi a cornice, chitarra battente, tzouras greco, organetti zampogne e tamburelli.

Redazione