Cronaca Vittoria 21/08/2014 20:29 Notizia letta: 4648 volte

17enne ferito, un debito con un 35enne e il colpo di pistola accidentale

Il ragazzo teneva la pistola in tasca
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-08-2014/1408645906-0-17enne-ferito-un-debito-con-un-35enne-e-il-colpo-di-pistola-accidentale.jpg&size=667x500c0

Vittoria - Si inizia a fare luce sull'episodio registratosi ieri mattina, mercoledì, a Vittoria nel piazzale antistante la chiesa di San Domenico Savio di via Bologna.
Le indagini condotte dalla Polizia di Ragusa, Squadra Mobile e Commissariato di Polizia di Vittoria, coordinate dalla Procura della Repubblica di Ragusa, hanno chiarito, infatti, alcuni aspetti della vicenda culminata con il ritrovamento di un ragazzo di 17 anni, vittoriese, riverso a terra e con una evidente ferita alla bocca, causata da un’arma da sparo di piccolo calibro, rinvenuta nelle immediate vicinanze.
I segni identificati dell’arma, una pistola semiautomatica calibro 6.35, hanno consentito di giungere all’individuazione del suo proprietario, regolare detentore, e da questi all’identificazione del ragazzo ferito, un membro della famiglia che era riuscito ad impossessarsene. L’esame del cellulare rinvenuto vicino al corpo del ragazzo ha poi permesso di ricostruire quanto accaduto nelle ore immediatamente precedenti al tragico episodio: il ferito, uscito dalla sua abitazione a piedi intorno alle 11, si è recato a casa di un’altra persona conosciuta, un uomo di 35 anni, per discutere sulla restituzione di una somma di denaro della quale risultava debitore. I due si sono messi a bordo dell’auto dell'uomo e si sono avviati verso un bar. Durante il tragitto tra i due è scoppiata una colluttazione terminata con l'esplosione di un colpo di pistola. Secondo quanto accertato, però, il colpo sarebbe partito accidentalmente dall'arma che il minorenne teneva nella tasca posteriore dei pantaloni. L’ogiva si è conficcata sul cruscotto dell’automobile. La marcia del mezzo è quindi proseguita e la lite è continuata in strada sino a quando i due si sono separati: il giovane andando via a piedi, l’altro riprendendo la guida del suo veicolo. Il ragazzo, sempre a piedi, si è avviato verso il piazzale della Chiesa San Domenico Savio e qui vi è arrivato in un lasso di tempo che, secondo quanto riferito dalla Polizia, è perfettamente compatibile con la distanza dal luogo della lite. In quel sito è stato poi notato da un automobilista di passaggio che si è avvicinato ed ha chiamato il 113, rimanendo ad attendere l’arrivo della Polizia e dei soccorsi. Sino a tarda notte la Polizia Giudiziaria ed il Magistrato sono stati impegnati indagando nei luoghi nei quali si sono svolti i fatti e sentendo i familiari e tutte le persone in grado di riferire qualcosa su quella terribile mattinata.
Di fondamentale importanza per le indagini si sono rivelate le immagini registrate da alcuni impianti di videosorveglianza dalle quali è emerso, inequivocabilmente, che il ragazzo dopo la lite per strada, avvenuta in una zona compresa tra via La Marmora e via Adua, si è incamminato verso la zona dove è giunto da solo ed è stato ritrovato. Le condizioni di salute del ferito, ricoverato presso l’ospedale Cannizzaro di Catania permangono invariate rispetto alla giornata di ieri. Il giovane è quindi ancora grave e la sua prognosi è riservata.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg