Economia Ragusa 21/08/2014 15:09 Notizia letta: 2955 volte

CamCom: voglio un presidente che se ne frega, che se frega di tutto si

Parla il sen. Giovanni Mauro
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-08-2014/1408626657-0-camcom-voglio-un-presidente-che-se-ne-frega-che-se-frega-di-tutto-si.jpg&size=813x500c0

 Ragusa - “Alla guida della CamCom iblea è indispensabile che ci sia un volto nuovo”. A dichiararlo il senatore di Forza Italia Giovanni Mauro che aggiunge: “In questo particolarissimo periodo nel quale un alone di incertezza ammanta il futuro degli enti di respiro provinciale (mi riferisco in particolar modo alle Province Regionali, ormai Liberi Consorzi di Comuni) la Camera di Commercio rimane l’unico organo di coordinamento delle strategie economiche del territorio. Per questa ragione sono convinto che, a Ragusa, solo ponendo alla presidenza di quell'ente qualcuno che non sia mai stato protagonista del dibattito politico si potrà raggiungere l'obbiettivo di far bene”.
“Inoltre – prosegue il senatore - bisogna tener conto del fatto che il Governo Renzi è orientato verso l'abolizione delle CamCom. Questa operazione, di dubbia utilità, impiegherà il Governo per almeno un paio d’anni ed è chiaro che il tempo a disposizione per dimostrare quanto, invece, sono importanti questi enti non è molto e non si può sprecarne ancora per discussioni sterili. Per questo auspico che lunedì, già alla prima convocazione, possa essere indicato un presidente per dare un immediato segnale di coesione territoriale”.
“Volendo stilare un ipotetico profilo ideale del miglior candidato possibile – continua Mauro – si dovrebbe puntare su una persona professionalmente specializzata nelle dinamiche economiche delle piccole e medie imprese, alla quale conferire fiducia non per l’appartenenza a questa o quella categoria produttiva, e quindi avulsa dal ‘conflitto’ politico che ha portato all'attuale condizione”.
“L'invito rivolto a tutte le forze economiche che compongono la Giunta camerale – conclude il senatore azzurro – è quello di mettere da parte le divergenze e le logiche di posizionamento, fare sintesi e convergere su un unico nome che possa rappresentare quelle ‘energie fresche’ che tanto bene farebbero alla nostra CamCom che, subito al ritorno dalla pausa estiva, dovrà affrontare una situazione non facile”.

Redazione