Cronaca Marina di Modica 23/08/2014 11:43 Notizia letta: 6387 volte

Due arresti per furto aggravato: Puccia e Firera

Ladri di carrube
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-08-2014/due-arresti-per-furto-aggravato-puccia-e-firera-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-08-2014/1408787042-1-due-arresti-per-furto-aggravato-puccia-e-firera.jpg&size=544x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-08-2014/due-arresti-per-furto-aggravato-puccia-e-firera-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-08-2014/1408787042-1-due-arresti-per-furto-aggravato-puccia-e-firera.jpg

Modica - Alle prime luci dell’alba del 23.08.2014 è giunta presso la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Modica una segnalazione circa un furto di carrube in corso presso un fondo agricolo sito nella campagna modicana in c.da Fondo Marta Sparaceto. Immediatamente giunti sul posto, i Carabinieri notavano due giovani che, “armati” di sacchi e bastone, erano intenti a fare incetta di carrube all’interno di un fondo agricolo adeguatamente recintato e persino sorvegliato da un guardiano.
Fermati dai militari dell’Arma e identificati in Firera Giuseppe, 34enne censurato per reati contro il patrimonio, e Puccia Giuseppe, 32enne, entrambi disoccupati modicani, gli stessi non hanno saputo giustificare in alcun modo la loro posizione, corroborando l’ipotesi che si trovassero in quel campo agricolo allo scopo di rubarne il prodotto. Peraltro i Carabinieri, approfondendo i controlli a carico dei due modicani, li estendevano anche all’autovettura a loro in uso. Proprio a bordo di questa i militari rinvenivano altri attrezzi utili alla raccolta dei frutti del carrubo, nonché numerosi sacchi e recipienti vuoti evidentemente pronti per essere riempiti a danno di ignari proprietari di fondi agricoli.
I Carabinieri della Compagnia di Modica recuperavano quindi la refurtiva, restituendola immediatamente al legittimo proprietario, e procedevano all’arresto dei due giovani disoccupati.
Su disposizione del Pubblico Ministero della Procura di Ragusa i due arrestati, dopo l’espletamento delle formalità di rito, venivano collocati agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg