Cronaca Pozzallo 27/08/2014 15:09 Notizia letta: 2101 volte

Rapina un ambulante, arrestato

Un 32enne del Bangladesh
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-08-2014/1409145053-0-rapina-un-ambulante-arrestato.jpg&size=430x500c0

Pozzallo - La scorsa notte, intorno alle ore 02.30, nel corso di un servizio predisposto per il controllo del territorio, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Modica sono intervenuti a Pozzallo, sul lungomare Pietrenere, dove era stata segnalata una rapina ai danni di un venditore ambulante.
Poco prima infatti, un venditore ambulante, originario del Bangladesh, mentre stava riposando all’interno di una tenda sul Lungomare Pietrenere, veniva svegliato da due connazionali che, senza alcuna ragione, lo colpivano con calci e pugni e lo rapinavano del proprio marsupio contenente la somma di 1600 euro dandosi poi alla fuga.
Terminata la rapina, la vittima usciva dalla propria tenda per cercare aiuto e poco distante notava un vigilante notturno che, appresi i fatti dallo straniero, allertava immediatamente i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Modica.
I militari dell’Arma, giunti sul posto, dopo aver ascoltato i fatti, accompagnavano la vittima presso la guardia medica di Pozzallo per sottoporlo alle cure e, successivamente, ricevuta la descrizione degli aggressori e l’indicazione della loro probabile abitazione, iniziavano le ricerche dei due rei.
All’interno dell’abitazione indicata dalla vittima, i Carabinieri rintracciavano uno dei due aggressori che veniva inoltre riconosciuto dallo straniero.
Pertanto i militari dell’Arma provvedevano ad arrestare, con l’accusa di rapina in concorso, uno dei due aggressori, Hawlader Babul, originario del Bangladesh, classe ’82, già noto alle forse dell’ordine.
Al momento non è stato ritrovato il marsupio contenente il denaro rapinato e sono in corso, da parte dei Carabinieri, le indagini per individuare il secondo rapinatore.
L’arrestato, al termine di tutte le procedure, è stato condotto presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ragusa.