Attualità Modica 31/08/2014 08:30 Notizia letta: 2359 volte

Piero Pisana: i nostri cinque passi di cultura

Le scelte del sindaco
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/31-08-2014/1409466701-0-piero-pisana-i-nostri-cinque-passi-di-cultura.jpg&size=534x500c0

Modica - “Chi siamo? E, poi, perché?”. Un gruppo di artisti e attori modicani ha organizzato 5 appuntamenti culturali, per un’estate all’insegna della rivalutazione della cultura locale e della riscoperta di suggestivi scenari di Modica. “Passi di cultura” ha lasciato il segno, intrattenendo piacevolmente il pubblico. Resta un’amerezza per i protagonisti, che hanno prestato gratuitamente la propria opera. “Se Modica ha difficoltà di cassa, non ci tiriamo indietro. Prestiamo la nostra opera senza retribuzione, felici del riscontro di pubblico e di avere fatto qualcosa per la città. I problemi economici non possono arrestare la cultura. Consapevoli delle difficoltà che il Comune ha dovuto affrontare e del fatto che è riuscito a risollevarsi solo con un prestito della Cassa Depositi e Prestiti, abbiamo – erroneamente – pensato che il denaro fosse destinato a certi servizi. Salvo poi comprendere che a fare sacrifici siamo stati noi. Tutt’intorno non si è badato a spese”.
Piero Pisana, attore, sottolinea la dicotomia tra l’azione individuale di chi come lui e i suoi amici ha operato gratis e un’Amministrazione che ha speso 231mila euro di soldi pubblici per l’estate modicana. “Quando ci sono i soldi si chiama gente da fuori – dice -. Le compagnie teatrali locali, che pure ci sono sempre quando mancano i fondi per la cultura, sono escluse quando non ci sono freni alle spese. Siamo contenti di avere accompagnato per 5 sere il pubblico, ma anche profondamente delusi dalle scelte dell’Amministrazione”.

Valentina Raffa