Cronaca Pozzallo 03/09/2014 12:10 Notizia letta: 3226 volte

Napoletano in fuga verso Malta

39enne con parecchi precedenti
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-09-2014/1409739051-0-napoletano-in-fuga-verso-malta.jpg&size=829x500c0

Pozzallo - E’ successo nella serata di ieri: erano le 21.15 allorquando una telefonata giunta al 113 di una cittadina francese - referente della filiale di Lione, in Francia, di una nota ditta di autonoleggio - segnalava che nella giornata di domenica aveva denunciato il furto di una autovettura modello Golf Volkswagen di colore nero di recente immatricolazione, di proprietà della medesima ditta, autovettura che nella fattispecie risultava trovarsi nelle vicinanze del Porto di Pozzallo, stando alle risultanze di segnalazione del sistema GPS in dotazione alla vettura stessa.
Appresi i primi dettagli e considerato che di li a poco, in effetti, un catamarano sarebbe salpato alla volta di Malta, previe comunicazioni con la Capitaneria di Porto e con personale dipendente la locale compagnia di navigazione, veniva tempestivamente accertato che in effetti la vettura in questione si trovava regolarmente imbarcata sul natante pronto a salpare: si faceva dunque intervenire una pattuglia di Volante in loco, mentre nel frattempo la Sala Operativa interloquendo con il personale interessato ritardava la partenza del catamarano; il tempo utile per l’intervento della Squadra dell’Ufficio Prevenzione e Generale e Soccorso Pubblico: qui veniva individuato il conducente del mezzo, identificato successivamente per P.A. 39enne napoletano, con svariati precedenti di polizia, tra l’altro, per associazione a delinquere, falsificazione di carte di credito, falsità in scrittura privata, ricettazione, frode informatica, truffa, falsificazione di monete e spendita di monete contraffatte.
Tenuto conto degli specifici precedenti e del fatto che l’uomo non sapeva fornire motivazioni valide circa il possesso della vettura in questione, sulla quale viaggiava unitamente ad una donna, di origini napoletane ed incensurata, veniva accompagnato presso gli Uffici in intestazione per gli accertamenti del caso.
Sottoposto agli accertamenti di rito – ivi compresi i rilievi fotodattiloscopici del locale Gabinetto Provinciale Polizia Scientifica – si appurava che lo stesso annoverava a suo carico svariati Fogli di Via Obbligatori dai Comuni dell’Isola di Ischia per i reati contro il patrimonio ivi commessi.
Ultimati gli adempimenti procedurali anche presso le autorità di polizia francesi, P.A. veniva deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione mentre il veicolo, sottoposto a sequestro penale, veniva affidato in giudiziale custodia ad una ditta specializzata.

Redazione