Appuntamenti Modica 11/09/2014 14:21 Notizia letta: 4942 volte

Gino Cassibba, re dei dolci, premio alla modicanità

L'inventore dei Vol au Vent
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-09-2014/1410438210-0-gino-cassibba-re-dei-dolci-premio-alla-modicanita.jpg&size=333x500c0

Modica - Sono l'imprenditore Gino Cassibba, l'atleta Monica Floridia, il giornalista Salvo Palazzolo, la danzatrice Ornella Cicero e il coreografo Evegeni Stoyanov i premiati della 28sima edizione del "Premio alla Modicanità" in programma venerdì prossimo 19 settembre al teatro Garibaldi di Modica alle ore 21. Stamani la conferenza stampa di presentazione a cui sono intervenuti Luigi Galazzo, presidente della Pro Loco di Modica che organizza la manifestazione, e i componenti del comitato del premio e cioè il giornalista Marco Sammito e l’attore e regista Giorgio Sparacino. Ancora una volta Modica riscopre dunque il valore della modicanità salutando e celebrando i propri figli più illustri che hanno operato e continuano a farlo portando alto il nome della città della Contea. Gino Cassibba è uno degli imprenditori del settore dolciario più noti, e vanta esportazioni in varie parti del mondo. Monica Floridia è una delle più giovani atlete di Modica. Si è dedicata al pugilato con risultati eccellenti che potranno portarla alle olimpiadi. Firma di rilievo quella di Salvo Palazzolo, giornalista di Repubblica e autore di importanti articoli sulla mafia. Infine la coppia Ornella Cicero e Evegeni Stoyanov che con il proprio impegno e la propria passione sono riusciti a far conoscere il nome di Modica in vari Paesi del mondo grazie al concorso internazionale di danza classica Sicilia Barocca. Il “Premio alla Modicanità” è nato su input dell’ex presidente della Pro Loco di Modica, Raffaele Galazzo, coadiuvato dall’ex vicepresidente, il giornalista Giorgio Buscema. Entrambi scomparsi, tocca adesso ai nuovi vertici dell’associazione di promozione turistica occuparsi dell’organizzazione dell’evento. “Uno sforzo che compiamo con assoluto piacere – ha commentato Luigi Galazzo, figlio di Raffaele – Un modo per ricordare mio padre e il suo impegno, così come quello di Buscema, ma è soprattutto l’occasione per rilanciare il valore della modicanità, un valore che è comune alla nostra gente, onesta, laboriosa, creativa, pronta sempre a scommettersi”. Non solo cerimonia ma anche intrattenimento di carattere culturale per la serata di venerdì prossimo che come sempre sarà aperta dalle note del maestro Sergio Carruba, ormai un affezionato protagonista del premio. “Ma ci saranno anche tanti altri ospiti che preferiamo non svelare per creare una vera e propria sorpresa – ha detto Giorgio Sparacino che si sta occupando della regia della serata – Abbiamo pensato ad una scaletta che alternerà le premiazioni ai momenti di intrattenimento. Abbiamo scelto un taglio culturale”. Infine sull’impegno che ogni anno viene profuso per la scelta di coloro che otterranno i riconoscimenti ha parlato il giornalista Marco Sammito: “Ogni anno non è semplice perché, per nostra fortuna, la città di Modica e i suoi cittadini hanno saputo sempre operare mettendo in rilievo le proprie capacità e caratteristiche. Abbiamo trovato tanti nomi e, volendo scavare, abbiamo trovato anche collegamenti tra famiglie che ci portano a grandi nomi. Insomma una modicanità davvero vista come valore intrinseco”.

Redazione