Attualità Modica 18/09/2014 14:56 Notizia letta: 2545 volte

Tutelare il bacino dell'acqua Santa Maria

Vincoli e oneri
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-09-2014/tutelare-il-bacino-dell-acqua-santa-maria-500.jpg

Modica - I criteri per la tutela del bacino minerario della concessione acque minerali “Santa Maria Zappulla”, ricadenti nel territorio dell’ente, sono stati oggetto di un conferenza di servizio tenutasi a Palermo il 3 settembre u.s. nella sede dell’assessorato all’Energia e dei servizi di Pubblica Utilità.
Lo scopo dell’incontro, come ha fatto presente l’assessore all’urbanista Giorgio Belluardo, è quello di chiarire le refluenze dell’attuale vincolo minerario legato alla concessione Santa Maria di Zappulla della S.I.A.M. srl sulle attività in atto e quelle future ricadenti nella zona.
La presenza del vincolo, infatti, impone gravosi oneri nel territorio.
L’Assessore Belluardo non ha mancato di far rilevare che al termine di un’intensa interlocuzione tra l’assessorato all’urbanistica del comune di Modica, l’assessorato regionale all’Energia e l’ente minerario di Catania, si è avuta l’autorizzazione all’utilizzo di sistemi a ciclo chiuso con fitodepurazione degli scarichi, per nuovi interventi o il loro completamento edilizio.
“Valuto un buon risultato quello ottenuto, cioè di aver mitigato l’uso del vincolo geologico e che consente, dichiara l’assessore Giorgio Belluardo, di potere effettuare interventi alternativi che vanno decisamente nella direzione della tutela del territorio e dell’ambiente e da la possibilità a quanti ne hanno interesse di potere realizzare le opere.
Tutto questo è stato possibile grazie alla intensa sinergia tra gli uffici ecologia dell’ente e l’ente minerario di Catania.
Ho preso atto, in quella sede, che i responsabili dei servizi e dei vari dipartimenti interessati dell’assessorato dell’Energia, hanno assunto impegni volti ad acquisire gli atti necessari per un approfondimento della materia al fine di individuare una soluzione tecnica utile a superare le attuali problematiche attraverso la predisposizione di studi idrogeologici aderenti alle nuove normative e con l’uso di strumenti ad alta tecnologia. In questa direzione il mio assessorato promuoverà ogni azione di coordinamento per concretizzare il risultato finale”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg