Cronaca Padova 20/09/2014 23:45 Notizia letta: 4705 volte

Antonio Carnemolla: se non mi fanno esibire mi dò fuoco

Stupore per i bambini
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-09-2014/antonio-carnemolla-se-non-mi-fanno-esibire-mi-do-fuoco-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-09-2014/1411249953-1-antonio-carnemolla-se-non-mi-fanno-esibire-mi-do-fuoco.jpg&size=333x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-09-2014/antonio-carnemolla-se-non-mi-fanno-esibire-mi-do-fuoco-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-09-2014/1411249953-1-antonio-carnemolla-se-non-mi-fanno-esibire-mi-do-fuoco.jpg

Ragusa - Antonio Carnemolla, regista cinematografico, attore di teatro giocoliere.

Nato e cresciuto a Marina di Ragusa, "mazzariddaru", come si dice in dialetto, trascorre gran parte dell'anno a Padova, dove anima i sabato pomeriggio dei bambini, nel centro storico, con i suoi stupefacenti giochi e intrattenimenti.

Antonio è entrato in polemica con l'amministrazione comunale, che sostiene siano vietati i giochi di strada.

E addirittura la questione sarà discussa in consiglio comunale, il 27 settembre.

"Una volta a Verona, vennero i vigili urbani e mi multarono per 150 euro -racconta Antonio-. Il pubblico prese a fischiarli, e a lanciare al mio indirizzo, banconote di 5 e 10 euro.

Mi pagai la multa in diretta.

Se anche a Padova mi impediranno di esibirmi?

Mi dò fuoco".  

Redazione