Lettere in redazione Scicli 25/09/2014 21:09 Notizia letta: 3976 volte

Mi hanno fatto una multa per colpa di Montalbano

Riceviamo e pubblichiamo
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-09-2014/mi-hanno-fatto-una-multa-per-colpa-di-montalbano-500.jpg

Scicli - “Tutelare la produzione del commissario Montalbano”
E’ il Presidente della Regione Crocetta a parlare.
"Proporrò un disegno di leggero grado di tutelare la produzione del commissario Montalbano ”.
Servono 20 milioni di euro.
Il Comune di Scicli si attrezza.

Durante la registrazione, che in genere dura diversi giorni senza alcuna pubblicizzazione o comunicazione dell’evento, si chiudono le strade del centro storico; spuntano decine e decine di cartelli di divieto di parcheggio in tutte le strade maggiormente utilizzate per la sosta delle macchine, creando un caos indescrivibile.

Ma ai cittadini è stato chiesto:
- di avere pazienza perché c’è il rischio che la Palomar trasferisca la produzione di Montalbano in Puglia;
- di non andare in centro, dove insistono tutti gli uffici pubblici, durante la registrazione senza alcun preavviso.

I Cittadini, che hanno saputo da conoscenti dell’evento, hanno risposto adeguatamente evitando di finire nel caos perdendo gran parte del loro tempo disponibile e contribuendo alle regolari riperse.

I Cittadini, ignari dell’evento avendo necessità di andare in qualche ufficio, tentano l’impossibile: parcheggiare la macchina nelle strade limitrofe pensando che anche le forze dell’ordine chiudessero un occhio, durante il periodo di chiusura del traffico e del divieto di parcheggio, per le auto parcheggiate non regolarmente al 100% senza alcun intralcio alla circolazione del tipo “Sostava in posizione non parallela all’asse della strada” lasciandogli una multa di €. 41,00.
Che sia anche questo un metodo per trovare i 20 milioni di euro.
E, forse, non sarebbe meglio, così come chiesto ai Cittadini, che anche le forze dell’ordine avessero più pazienza ed essere tolleranti con chi incautamente si è avventurato nelle zone, fra l’altro, in un periodo di forte presenza turistica senza fargli pagare il “pizzo”?

Salvo Di Maria