Sport Ragusa 30/09/2014 10:42 Notizia letta: 2885 volte

Motoraduno dei Monti Iblei, in archivio le 29esima edizione

Partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-09-2014/1412066620-0-motoraduno-dei-monti-iblei.jpg&size=517x500c0

Ragusa - Un’altra grande edizione del mototour “Monti Iblei”. Con partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia. Che si sono ritrovati tra il barocco del Ragusano per raccontare le loro esperienze in giro per il mondo e per avere poi modo di raccontare, nelle occasioni future, quelle che hanno avuto modo di vivere sul nostro territorio.

E’ stato questo il leit-motiv caratterizzante del 29esimo appuntamento che ha chiuso i battenti nella giornata di domenica e che, promosso ancora una volta dal Moto Club Ragusa Touring, ha fatto registrare la partecipazione di numerosi motoradunisti, non foss’altro per il riconoscimento importante che è arrivato, quest’anno, dalla Federazione motociclistica italiana che ha inserito il Sicilia-Malta nel calendario d’eccellenza del 2014 facendolo, di fatto, diventare un Italia-Malta.

Domenica scorsa, il “Monti Iblei” ha concluso la propria edizione dando la possibilità ai vari centauri di apprezzare da vicino le bellezze del barocco modicano. Infatti, è stata organizzata una visita nel centro storico della cittadina della Contea che ha suscitato gli entusiastici commenti da parte di tutti gli intervenuti.

Il presidente del Moto Club Ragusa Touring, Franco Bucchieri, coadiuvato come sempre dai figli Maria e Salvo, ha potuto così prendere atto della riuscita, ancora una volta, di una kermesse tra le più tradizionali del territorio ibleo.

“Abbiamo accompagnato i nostri ospiti – dice Bucchieri, non dimenticando di sottolineare il sostegno arrivato dalla Cna provinciale di Ragusa e dalla Bapr – in un vero e proprio viaggio speciale su due ruote, tra arte, cultura, sapori e tradizioni degli Iblei. Quindi, non solo sport ma anche la possibilità di prendere atto di una diversa declinazione della cultura siciliana. Oltre a Marina di Ragusa, laddove era istituita la segreteria del motoraduno, abbiamo dato l’opportunità ai visitatori di conoscere da vicino il castello di Donnafugata, Ragusa Ibla con i suoi palazzi barocchi e i suoi suggestivi vicoli, l’ideale da percorrere in moto, e il centro storico di Modica. Accanto a ciò abbiamo abbinato pranzi e cene in ristoranti tipici per permettere ai nostri ospiti di apprezzare la cultura iblea anche sul piano enogastronomico”.

Alla fine, l’appuntamento è stato rinnovato per il prossimo anno quando il “Monti Iblei” celebrerà l’invidiabile traguardo dei trent’anni.