Attualità Modica

Resta a piedi il pulmino turistico di Modica

Fermato dalla Polstrada

Modica - Come una meteora. Il servizio bus navetta del Consorzio turistico di Modica, che collega(va) Modica alta alla parte bassa della città, ha avuto vita breve. Ma presto potrebbe essere ripristinato. Per il momento, 4.500 utenti lo hanno utilizzato gratuitamente. Ma adesso non c’è più.
Non è risultato del tutto in regola. A un controllo della Polstrada di Ragusa - pare su segnalazione anonima - è stata riscontrata e verbalizzata dagli agenti un’infrazione al Codice della strada. Mancava il cronotachigrafo, che tiene il conto delle ore trascorse su strada, per evitare carichi eccessivi di guida. Si tratta di una strumentazione obbligatoria per veicoli con più di nove posti.
Il verbale a carico del Consorzio è di 841 euro - a fronte di un massimo di 3.234 euro –. Al conducente è stata sospesa la patente per 15 giorni. Morale della favola: i turisti sono appiedati, mentre l’Amministrazione comunale fa sapere di stare effettuando le opportune verifiche su quanto accaduto e, subito dopo, provvederà a regolarizzare il mezzo perché possa essere ripristinato il servizio.
Il presidente del Consorzio turistico, Renato Nuccio, ha assicurato che il Consorzio e il Comune stanno lavorando per ripristinare il bus navetta, acquistato dal Consorzio e ceduto in comodato d’uso graduito al Comune per una gestione attraverso l’utilizzo di personale della Spm.
Lo shuttle insomma fa ancora parlare di sé. L’ha fatto sin dall’inizio dell’istituzione del servizio, quando innescò l’indisposizione di alcuni albergatori esclusi dal servizio e di alcune categorie che temevano di essere penalizzate, visto che vivono proprio di trasporto di turisti.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif