Attualità Ragusa 15/10/2014 14:01 Notizia letta: 2444 volte

Noi balliamo da soli

In via Mariannina Coffa
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2014/1413364592-0-noi-balliamo-da-soli.jpg&size=755x500c0

Ragusa - In una società dove l’immagine è impatto, tu la rendi vita, per lasciare il segno. Coreografie e musica, carattere e professionalità.

I passi di Majid Khdiri e dei suoi ballerini nello showcase del {SO}, al civico 1 di via Mariannina Coffa, a Ragusa. Danza per gli occhi degli avventori di piazza San Giovanni, lo scorso fine settimana, ancora a tu per tu con un’offerta artistica assolutamente inedita, racchiusa nella vetrina dei locali in questione. E non solo. Tra la gente, sulla strada. Nel cuore storico della città capoluogo, dove batte forte il ritmo dell’inventiva. Dopo il fortunato esperimento dei fornelli 2.0 e quotidianità che hanno portato la firma dei due artisti iblei Raffaele Catania e Simone Campo, il {SO}, che mira a diventare un luogo aperto e disponibile a qualsiasi forma di espressione artistica del centro storico di Ragusa superiore, si conferma luogo di aggregazione e di stimolo, ancora una volta. Ci crede Giuseppe Triberio, il giovane imprenditore che ha voluto sostenere anche questa iniziativa.

“I ballerini in vetrina hanno suscitato curiosità e stupore, trascinando, poi, chi c’era nella frenesia delle danze su strada, in puro stile street dance – riferisce – ad ogni passo dei talentuosi ballerini coinvolti, c’era tutta quella carica artistica che vuole sprigionare {SO}, che si apre ad ogni forma d’espressione, purché sana e coinvolgente. Abbiamo accolto, nelle settimane scorse, questa speciale installazione che metteva al centro una cucina con due manichini in gesso bianco e con la testa luminosa, statica, ma animata, poi, da video maker che si sono sbizzarriti a fare della vetrina un vero e proprio set. Ora, ancora in linea con la voglia di movimento e interazione, abbiamo offerto la vera e propria creazione di una coreografia. Perché l’arte è divenire e crescita, non solo un prodotto preconfezionato. La gente ha apprezzato, la piazza era piena e di questo non possiamo che essere soddisfatti, dato che, uno dei nostri principali propositi, quello che ci muoverà sempre, è contribuire in modo attivo all’animazione del centro storico di Ragusa superiore”.

Redazione