Attualità Catania 15/10/2014 14:30 Notizia letta: 4703 volte

Vittoria cambia sesso, e libretto universitario

Il sorriso di Julia Roberts
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2014/1413376299-0-vittoria-cambia-sesso-e-libretto-universitario.jpg&size=345x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2014/1413376556-1-vittoria-cambia-sesso-e-libretto-universitario.jpg&size=643x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2014/1413376299-0-vittoria-cambia-sesso-e-libretto-universitario.jpg&size=345x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-10-2014/1413376556-1-vittoria-cambia-sesso-e-libretto-universitario.jpg

Catania - Lei è donna, si sente donna, ma avvertiva un imbarazzo indicibile quando agli esami chiamavano un uomo. Ha ottenuto il diritto di essere donna anche sul libretto.

È nata maschio, sogna di lavorare nel mondo del teatro o del cinema, ma intanto Vittoria Vitale ha vinto una battaglia che più che personale, lei stessa definisce “di tutte le persone transgender”, che combattono quotidianamente per poter affermare i loro diritti nell’esprimersi con la loro identità sessuale al di là di cosa dice l’anagrafe. Dopo tre anni, infatti, Vittoria, studentessa di Scienze della Comunicazione all’Università degli studi di Catania riuscita a ottenere il diritto di avere il doppio libretto universitario.

Un documento riconosciuto che permetta allo studente o alla studentessa trans, che si presenta in sede di esame, di essere chiamato col nome femminile o maschile che ha scelto per vivere la sua vera identità: in questo modo gli studenti avranno “un libretto valido legalmente”, pur utilizzando un’identità diversa rispetto a quella del documento e pur non avendo ancora cambiato sesso chirurgicamente. “Per me, che ho un aspetto femminile era umiliante sentirmi chiamare dal professore col nome maschile davanti a tutti - racconta Vittoria, alla quale, sul suo profilo Facebook, scrivono Somigli a Julia Roberts, - «Mi mancano solo due esami alla laurea, ma per me è una grandissima soddisfazione sapere che li sosterrò essendo chiamata all’appello col nome di Vittoria e pensare anche che poi alla mia proclamazione ufficiale sarò chiamata dottoressa e non dottore”.