Appuntamenti Scicli 16/10/2014 23:14 Notizia letta: 3795 volte

Una mostra sui quaderni della prima guerra mondiale

Fino alla Prima Repubblica
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-10-2014/una-mostra-sui-quaderni-della-prima-guerra-mondiale-500.jpg

Scicli - Sabato 25 ottobre alle ore 19.00, a Palazzo Busacca, sarà inaugurata la mostra dal titolo “Lo specchio di carta: libri e quaderni scolastici dalla Grande Guerra alla Prima Repubblica”.

Frutto di un’ampia ricerca condotta nel territorio, l’iniziativa si inserisce tra le attività previste dal Museo del Costume nel centenario della Grande Guerra e si avvale della collaborazione dell’Opera Pia Busacca di Scicli, della Soprintendenza Archivistica per la Sicilia, dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Q. Cataudella”, dell’Istituto Comprensivo “Scicli Centrale” e dell’Istituto Comprensivo “E. Vittorini”.

Attraverso libri e quaderni scolastici del periodo tra la Grande Guerra e la Prima Repubblica, la mostra presenta parte del ricco apparato di conoscenze storiche, sociali e culturali che ha formato innumerevoli generazioni in un ampio periodo del Novecento.
Ma libri e scuola non sono solo lo specchio della società in cui essi nascono; essi rappresentano anche gli strumenti impiegati dal potere per forgiare e indirizzare la formazione delle giovani menti. La mostra enuclea, quindi, il caso esemplare della Grande Guerra così come è stata narrata dai testi scolastici nei diversi periodi storici. Miti ed eroi, ma anche vittorie e sconfitte sono, volta per volta, enfatizzati o nascosti secondo l’uso più appropriato e più consono agli obiettivi posti dal potere in corso. Strumento di persuasione e di manipolazione delle coscienze, lo studio della storia diventa, così, elemento essenziale con il quale il potere si presenta e si confronta con le giovani generazioni.
Saranno in mostra, oltre ad alcuni tra i testi scolastici più importanti ed a numerosi quaderni appartenuti a diverse generazioni di scolari, anche pagelle scolastiche e un ampio corredo di immagini fotografiche di scolaresche, manoscritti inediti di poesie e diari di guerra, giocattoli, abiti e riviste, utili per aiutare il visitatore a contestualizzare le diverse epoche di riferimento. Ad arricchire le sale di Palazzo Busacca, dove sarà allestita la mostra, è anche l’esposizione di materiale didattico risalente agli anni antecedenti la seconda guerra, proveniente dal I° Circolo didattico di Scicli. La mostra intende così riproporre un vero e proprio spaccato sociale della comunità locale, dalla Grande Guerra alla nascita della Prima Repubblica.
Nell’ambito della rassegna saranno proposti, anche, i diari e le poesie scritti durante la prigionia di guerra da Gaudenzio Muccio, maestro di scuola elementare a Scicli fino ai primi anni ’70 del Novecento.

Particolarmente ideata e progettata per il mondo della scuola, la mostra prevede un percorso di visita guidata, integrato con coinvolgenti attività di laboratorio e un concorso finale riservato esclusivamente agli alunni, con premi offerti dalla ditta “Toys in” di Scicli.

La mostra, aperta fino al 30 novembre, potrà essere visitata tutti i giorni:
da lunedì a mercoledì dalle ore 10,00 alle ore 13,00; da giovedì a domenica dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,30 alle ore 19,30.

L’iniziativa è stata realizzata con il patrocinio della Soprintendenza BB.CC. di Ragusa e della Rete Museale della cultura iblea, con il sostegno di Bruno Euronics di Modica, Toys In di Scicli, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Merceria Primavera di Scicli.

Redazione