Attualità Ragusa 28/10/2014 14:27 Notizia letta: 2959 volte

Ride Ragusa, col Liotru di Catania

La neve di zio Anselmo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-10-2014/1414502908-0-ride-ragusa-col-liotru-di-catania.jpg&size=664x500c0

Ragusa - Quando una compagnia riesce a divertirsi sul palco e a trasmettere questa emozione anche a chi assiste è già a metà dell’opera. Se poi è in grado di sapere interpretare un testo con una consumata perizia, dote che deriva dal fatto di potere contare su una tradizione ultradecennale, allora il successo è assicurato. E hanno applaudito a piene mani, domenica pomeriggio, gli spettatori che hanno riempito il teatro Don Bosco per assistere alla “prima” della nuova rassegna promossa dall’associazione culturale Palco Uno, con la direzione artistica di Maurizio Nicastro, dal significativo titolo “Ragusa ride”.

E del resto l’allegria era garantita visto che a calcare il palco sono stati gli istrionici attori della compagnia “Liotru” di Catania che, con abilità e maestria, frutto dell’esperienza maturata negli anni, hanno interpretato con capacità la commedia di Valerio Di Piramo dal titolo “La neve di zio Anselmo”.

Due atti di travolgente comicità che hanno coinvolto il pubblico dal primo all’ultimo momento, grazie alle caratterizzazioni che gli attori, magistralmente diretti da Franco Blundo, hanno fornito ai propri personaggi, rendendoli estremamente vicini all’immaginario popolare, dal commissario Pedicone all’appuntato Moretti, dalla mangiauomini Franca Lanza al menagramo Ignazio Disgrazia, per non parlare del padrone di casa Alfio Pappalardo e del nicaragueno De La Corte. Una vicenda tutta da ridere, in attesa del funerale dello zio Anselmo che tutto poteva definirsi, pace all’anima sua, tranne che uno stinco di santo, in quanto, tra l’altro, aveva riempito di cocaina, in vent’anni, i maglioni regalati all’ignaro fratello che li aveva stipati nell’armadio perché “i pullover a V di colore rosa non si possono indossare”. Tra una gag e l’altra, tra gli inevitabili colpi di scena e i refrain dialettici che hanno attirato il pubblico, la commedia è scivolata via in un battito di ciglio, assolutamente leggera e scanzonata, con il precipuo obiettivo, assolutamente raggiunto, di fare trascorrere al numeroso pubblico presente un paio d’ore in assoluto relax. “La compagnia Liotru – ha detto Maurizio Nicastro sul palco in fase di presentazione – vanta una esperienza ormai quarantennale. E avere avuto la fortuna di poterla fare esibire dinanzi al pubblico ragusano, nel giro di pochi mesi (la stessa, infatti, ha partecipato al festival del teatro comico quest’estate a Caucana), è stato senz’altro un valore aggiunto per il teatro amatoriale della nostra città e del nostro comprensorio. Con Ragusa Ride inizia un minicartellone di quattro appuntamenti, il primo lo abbiamo già vissuto, che si terranno al teatro Don Bosco la domenica. Il prossimo è in programma il 9 novembre con la compagnia Caf di Acicatena del grande Turi Badalà che ci proporrà “Li turchi”. Assolutamente da non perdere”. Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare il 333.4183893

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif