Cronaca Acate 30/10/2014 10:06 Notizia letta: 8637 volte

La Finanza sequestra merce destinata alla ricettazione

Denunciato un pluripregiudicato tunisino
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-10-2014/1414660044-0-la-finanza-sequestra-merce-destinata-alla-ricettazione.jpg&size=702x500c0

Acate - La Guardia di Finanza di Vittoria ha sottoposto a sequestro materiale di provenienza illecita, trovata nella disponibilità di un uomo di nazionalità tunisina: un fotocopiatore, una macchinetta da gioco e circa 500 kg di pezzi di ricambio per automobili e motoveicoli. La merce è stata rinvenuta a Marina di Acate, nell’abitazione dell’extracomunitario.

I finanzieri, durante l’attività di perlustrazione del territorio, in Contrada Macconi, si sono appostati nei pressi dell’abitazione dell’uomo ed hanno notato dei movimenti sospetti. Pertanto sono intervenuti ed hanno effettuato una perquisizione nella casa e nel garage del soggetto, dove sono state rinvenute diverse decine di pezzi di ricambio, smontati e pronti per essere rivenduti sul mercato nero.

È stata, altresì, rinvenuta una slot machine, di quelle c.d. “mangiasoldi” spesso sequestrate dalla Guardia di Finanza in diverse attività commerciali, poiché non munite del collegamento alla rete dei Monopoli di Stato, avente la serratura forzata.
Inoltre è stata recuperata una fotocopiatrice professionale e diverse decine di biglietti “gratta e vinci” ancora integri.

Il trentaduenne tunisino non è stato in grado di giustificare la provenienza della merce, né di fornire ai militari alcuna documentazione circa il legittimo acquisto della stessa. I finanzieri, pertanto, avendo motivo di ritenere che la merce fosse oggetto di reato, lo hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria e hanno provveduto al sequestro delle refurtiva.

Il soggetto perquisito vanta precedenti penali per ricettazione, furto, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, minaccia e lesioni. Ora dovrà rispondere nuovamente del reato di ricettazione, nell’ambito delle indagini disposte dal Dott. Gaetano Scollo, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Ragusa.

La merce rinvenuta è stata affidata ad una ditta specializzata nella custodia di beni sequestrati.

Redazione