Cronaca Vittoria 04/11/2014 19:04 Notizia letta: 3311 volte

Rumeno violento con moglie e figlia, pestato

Violenza ripagata con violenza
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-11-2014/1415124309-0-rumeno-violento-con-moglie-e-figlia-pestato.jpg&size=667x500c0

Vittoria - 4 persone sono state denunciate dalla Polizia di Stato perché accusate di aver pestato un romeno di 34 anni. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti i 4 avrebbero agito in difesa di una donna e di una ragazzina, moglie e figlia del romeno, ripetutamente maltrattate dall'uomo.
A pestare il romeno sarebbero stati due fratelli italiani, di 38 e 49 anni, e due fratelli romeni, di 33 e 22 anni. Tutto è accaduto il 21 ottobre scorso, ma solo ieri la Polizia è riuscita a fare chiarezza sull'intera vicenda. Era circa la mezzanotte del 21 ottobre scorso quando una guardia particolare giurata ha telefonato al centralino del Commissariato di Vittoria segnalando la presenza di una persona riversa a terra, priva di sensi, in via Cascino, nei pressi della statale. Sul posto una Volante che ha richiesto un' ambulanza del 118. All'ospedale di Vittoria l'uomo stato identificato e curato: si trattava di un romeno di 34 anni il quale ha riferito di essere stato pestato nell'azienda agricola in cui aveva lavorato, di proprietà di due fratelli vittoriesi. L'uomo ha spiegato di essere stato picchiato perché, più volte, aveva tentato di convincere la moglie e la figlia a tornare a vivere con lui. In un'occasione aveva anche tentato di prenderle con lui per riportarle in Romania, per sempre. All'ennesima prevaricazione dell'uomo, sarebbero quindi intervenuti i datori di lavoro e gli amici che le ospitano.
La donna, sentita dagli agenti, ha invece raccontato una storia triste fatta di maltrattamenti continui da parte del marito, avvezzo ad ubriacarsi tutte le sere, tanto da divenire violento ed irragionevole. Da lì la scelta, condivisa con la figlia di 16 anni, di andare a vivere da altri connazionali, in un'altra azienda agricola degli stessi datori di lavoro. Le due donne hanno anche confermato alla Polizia l'aggressione compiuta dai due fratelli italiani e dai due rumeni quando il marito, più ubriaco che mai, le aveva raggiunte ed aveva tentato di riprenderle.
C.T.V., queste le iniziali del rumeno, ha riportato fratture del seno mascellare, delle ossa del naso e dell'osso mandibolare, contusione polmonare, escoriazioni ed ecchimosi diffuse, con prognosi di 20 giorni. I quattro aggressori che sono stati denunciati all'Autorità Giudiziaria per lesioni personali aggravate in concorso. La vicenda dei maltrattamenti subiti dalla donna sarà ora seguita dagli inquirenti in un altro filone di indagine. Altri accertamenti, inoltre, riguarderanno le posizioni lavorative dei soggetti coinvolti.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg