Attualità Modica 10/11/2014 22:51 Notizia letta: 2056 volte

Santa Marta scuola a risparmio energetico

Inserita in una progetto pilota
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-11-2014/1415656398-0-santa-marta-scuola-a-risparmio-energetico.jpg&size=961x500c0

Modica - L’edificio che ospita il plesso di Santa Marta è oggetto di un progetto pilota volto a realizzare risparmio energetico.
La somma a fondo perduto per la realizzazione delle opere è di € 32.500,00 su fondi europei (energie rinnovabili e risparmio energetico 2007/2013).
Il progetto è stato scelto dall’Anci (associazione nazionale comuni d’Italia) nell’ambito delle politiche rivolte alla sostenibilità ambientale ed energetica degli edifici pubblici.
Il disciplinare attuativo per la realizzazione degli interventi di efficientamento e risparmio energetico è stato sottoscritto venerdì 7 novembre us. a Milano – in occasione dell’assemblea nazionale dell’Anci - tra il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare DG per lo sviluppo sostenibile, il Clima e l’energia a beneficio del Comune di Modica (firmatario il vice sindaco Giorgio Linguanti) e la direzione generale dell’Anci, come ente intermediario.
Le opere da realizzare riguardano strutture, impiantistica in particolare quella elettrica con l’uso di punti luminosi a LED. L’obiettivo è quello di recuperare la sostenibilità ambientale del plesso e il risparmio energico con fonti alternative.
“Si tratta di un progetto pilota, commenta Giorgio Linguanti, per il quale potremo contare sull’assistenza dell’ Anci, dello staff tecnico dell’Università Roma tre che ci affiancheranno per la rimodulazione del progetto e per le fasi di affidamento. Le opere devono essere completate entro il 30 luglio del prossimo anno. Renderemo ecosostenibile un complesso scolastico per il quale l’ente ha deciso di mantenerlo in vita come destinazione di pubblica istruzione e peraltro già oggetto di interventi strutturali, vedi la manutenzione straordinaria del tetto dell’edificio, che ne avevano pregiudicato l’attività”.

Redazione