Cronaca Ragusa 10/11/2014 16:58 Notizia letta: 3000 volte

Evade dai domiciliari per visita oculistica, arrestato

E' un ispicese
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-11-2014/1415635164-0-evade-dai-domiciliari-per-visita-oculistica-arrestato.jpg&size=405x500c0

Ragusa - I carabinieri della stazione di Ragusa Ibla hanno arrestato in flagranza di reato di evasione un trentanovenne di Ispica.

I fatti si sono svolti sabato mattina. L’arrestato, Antonio Carpintieri, è sottoposto agli arresti domiciliari nel territorio del comune di Rosolini ma a pochi metri dalla frazione di San Giacomo del comune capoluogo, frazione ricadente nel territorio di competenza dei carabinieri della stazione di Ragusa Ibla. Il giudice di Siracusa, pertanto, sentiti i carabinieri di Rosolini e Ibla, incarica quest’ultimi per la vigilanza sull’arrestato domiciliare, per una questione di ottimizzazione, visti i chilometri.

I militari della stazione di Ibla, quindi, sabato mattina si presentano a casa per accertarne la presenza, come di consueto fanno a tutte le ore con tutti gli arrestati e i detenuti domiciliari nonché con gli altri soggetti sottoposti a obblighi e vincoli.

Il Carpintieri però non è in casa e un convivente riferisce che era uscito per andare dall’oculista. I due militari di pattuglia chiamano il collega che era in caserma chiedendo se per caso vi fosse un permesso del giudice che a loro era per caso sfuggito. Alla risposta negativa, i due di pattuglia ritornano a Ragusa dirigendosi verso l’ospedale.

Nel frattempo il Carpinteri, verosimilmente avuta notizia della visita dei militari, terminata l’altra visita (poiché i carabinieri hanno accertato che effettivamente l’uomo dal dottore ci è andato), probabilmente convinto di aggiustare la situazione d’illegalità in cui s’era andato a mettere, si è recato alla caserma di piazza caduti di Nassirya ove nel frattempo i militari di Ibla erano arrivati e lo hanno arrestato per evasione.

Antonino Carpinteri, già noto alla cronaca, per due arresti negli anni scorsi per atti persecutori e per furto di rame, nonché ben conosciuto dalle forze dell’ordine – specie i carabinieri di Ispica – per altre pregresse questioni attinenti il codice penale, è stato quindi sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici e collocato nuovamente – sentito il pubblico ministero di turno dott.ssa Serena Menicucci – agli arresti domiciliari nel territorio del comune di Rosolini.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg